Lettere famigliari dell'ab (Google eBook)

Front Cover
Dalla tipografia di Alvisopoli, 1829 - 226 pages
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 58 - Luigi, ch'egli desiderava avere nelle mani gli scritti del defunto suo amico, forse con animo di pubblicarli; ma non si sa qual effetto ne sia seguilo.
Page 61 - 1 sangue e venda l'aima a prezzo? lo parlo per ver dire, Non per odio d'altrui nè per disprezzo.
Page 91 - Di fresco hanno messo fuori certi poemi di un cotale Ossian, antichissimo poeta celtico che viveva nel terzo secolo, e per esaltarlo fino alle stelle hanno depresso e conculcato il divino Omero. L'abate Cesarotti n'è stato il traduttore in versi italiani, e sue sono le osservazioni ardite e strampalate delle quali è corredata la traduzione. Grandissimo da principio era il numero degli...
Page 67 - ... loro fenomeni , pensate voi se giammai s'indurranno a preferire di nuovo le astratte e sottili idee e difficili a conseguirsi, alle facili ed ovvie osservazioni de
Page 140 - Tasso è stato tribolato vivendo da mille acerbe disavventure, ed ebbe non pochi perseour tori e nemici, ha trovato dopo due secoli in voi un accurato storico e veritiero, uno zelante difensore, un lodevole panegirista, per cui potrebbe "perdonare alla rea fortuna, se fosse vivo, tutti i torti ch
Page 137 - Vorrei che al principio di eiascun libro si premettesse una breve introduzione, ma buona ; vorrei che i fatti per lo più simili fossero sempre narrati e descritti con diversità di parole e di frasi ; vorrei che qualche riflessione...
Page 86 - Io scorso carnovale, dove fui a godere l'opera in musica ei soliti spettacoli. Il più bel pesce nel suo genere non vidi mai : non tiene seco altra corte fuori che un meschinissimo fante, col quale, per salario dovutogli, ebbe una lite al magistrato de...
Page 81 - Per giudicar da lunge mille miglia Con la veduta corta di una spanna?
Page 113 - ... occhi i buoni scrittori antichi oggidì poco letti e meno imitati; disordine per mio parere che condurrà in breve gli scrittori italiani ad un orribile guastamento della nostra leggiadrissima poesia.

Bibliographic information