Versuche über den Charackter und die Werke der besten italienischen Dichter [by C.J. Jagemann]. (Google eBook)

Front Cover
1764
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Popular passages

Page 234 - Bianca neve è il bel collo, e '1 petto latte: II collo è tondo, il petto colmo e largo: Due pome acerbe, e pur d'avorio fatte, Vengono, e van come onda al primo margo, Quando piacevole aura il mar combatte...
Page 384 - l nome, quasi ignoto e peregrino Al tempo nostro, de la castitade, Che la tua vita e la tua verde etade, Vattene in pace, alma beata e bella. Così i miei versi avesson forza, come Ben m'affaticherei con tutta quella Arte che tanto il parlar orna e come, Perche mille e mill' anni e più, novella Sentisse il mondo del tuo chiaro nome.
Page 304 - ... 1 vento le giano aprendo, ch'erano sdrucite. I crini avea qual d'oro e qual d'argento, e neri e bigi, e aver pareano lite; altri in treccia, altri in nastro eran raccolti, molti alle spalle, alcuni al petto sciolti.
Page 343 - Afflitto e stanco al fin cade ne l'erba, e ficca gli occhi al cielo, e non fa motto. Senza cibo e dormir così si serba, che '1 sole esce tre volte e torna sotto. Di crescer non cessò la pena acerba, che fuor del senno al fin l'ebbe condotto.
Page 226 - ... 1 sciocco vulgo non gli vuol dar fede, se non le vede e tocca chiare e piane.
Page 333 - Medor ricompensarvi d'altro non posso, che d'ognior lodarvi: 109 e di pregare ogni signore amante, e cavallieri e damigelle, e ognuna persona, o paesana o viandante, che qui sua volontà meni o Fortuna; ch'all'erbe, all'ombre, all'antro, al rio, alle piante dica: benigno abbiate e sole e luna, e de le ninfe il coro, che proveggia che non conduca a voi pastor mai greggia.
Page 340 - E quando poi gli è aviso d'esser solo, Con gridi et urli apre le porte al duolo. Di pianger mai; mai di gridar non resta; Né la notte né '1 dì si dà mai pace.
Page 153 - ... 1 poco ingegno ad or ad or mi lima, me ne sarà però tanto concesso, che mi basti a finir quanto ho promesso.
Page 59 - Poi rispose alla madre : e' non è vana La cagion che sì lieto a te mi guida , Ch' io ho tolto dal coro di Diana II primo conduttor , la prima guida ; Colui di cui gioir vedi Toscana , Di cui già...
Page 332 - Liete piante, verdi erbe, limpide acque, spelonca opaca e di fredde ombre grata, dove la bella Angelica che nacque di Galafron, da molti invano amata, spesso ne le mie braccia nuda giacque...

Bibliographic information