Storia della pittura italiana esposta coi monumenti, Volume 7 (Google eBook)

Front Cover
N. Capurro, 1852 - Painters
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Common terms and phrases

Popular passages

Page 127 - Si che nel lito i voti scioglier spero A chi nel mar per tanta via m'ha scorto; Ove, o di non tornar col legno intero O d'errar sempre, ebbi già il viso smorto, Ma mi par di veder, ma veggo certo, Veggo la terra e veggo il lito aperto.
Page 66 - Batoni un gusto naturale che trasportavalo al bello senza ch' egli se ne accorgesse ; il Meìigs vi arrivò con la riflessione e con lo studio: toccarono in sorte al Batoni i doni delle Grazie, come ad A 'pelle; al Mengs , come a Protogene , i sommi sforzi dell
Page 81 - Landi, uno de' quali rappresenta Ettore, che rimprovera Paride, il quale siede presso Elena invece di uscire in campo; e l'altro lo stesso Ettore tra il figlio Astianatte, che si spaventa alla vista dell'elmo, e la moglie Andromaca, che mostra nel volto un misto di dolore e di gioja».
Page 66 - Ebbe quest' ultimo un gusto naturale che trasportavalo al bello senza ch' egli se ne accorgesse : il Mengs vi arrivò colla riflessione e collo studio. Toccarono in sorte al Battoni i doni delle Grazie come ad Apelle; a Mengs, come a Protogene , i sommi sforzi dell
Page 79 - Artisti senza difetti, e collocandolo nel ramo ben ristretto di • quelli, che con qualche pregio singolare si rendono padroni degli affetti « altrui, « si fanno ammirare, e sempre più grandi appariscono . La parte, • che condusse il Batoni a questo grado superiore, e distinto dagli altri, « appartiene certamente all'ideale, nè può insegnarsi, essendo un dono « spontaneo della natura ì1 . (B9) Così nelle Memorie citate, pag.
Page 127 - II, pp. 457-458. gano che dia nell'occhio : non bellezza di proporzioni, non vivacità di volti, non grazia di colorito. Tutto par che languisca : la stessa imitazione de...
Page 55 - Mentre ciò accadeva in Roma, formava in Napoli una nuova Scuola Luca Giordano. Egli apprese i primi principj da Ribera ; andò a Roma a studiare rapidamente i Caracci e le loro Scuole, e finì collo scegliersi lo stile di Cortona . Con questo capitale ritornò a Napoli , e vi fu sì applaudito...
Page 187 - Masaccio • per la morte su,.: e così Filippo di sua mano la ridusse a perfezione, • insieme con un resto della storia quando S.
Page 74 - Verginella in un giardino, che sollevando gli oc* chi al ciclo, adaffia una pianta di candido giglio; men« tre un raggio di luce scende dall'alto verso di lei; onde * Giovacchino attonito accenna alla consorte il prodigio ; * e questa compresa da devota ammirazione si volge a rin...
Page 66 - Sisti na . Dopo avergli fatte disegnare tali cose in differenti punti, gli fece studiare nelle stanze di Raffaello le più belle teste, e alcune figure vestite, per prendere quel gusto di pieghe, in cui Raffaello è sì eccellente . Era Ismael Pittore del Re di Polonia via Augusto III, e bramando inviargli qualche saggio dell...

Bibliographic information