Le croniche di Giovanni Sercambi, Lucchese, Issue 19 (Google eBook)

Front Cover
Tip. Giusti, 1892 - Italy
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Popular passages

Page xxi - Fioretto di Croniche degli imperadori: testo di lingua del buon secolo, ora per la prima volta pubblicato a cura di Leone del Prete.
Page 188 - ... dentro, chi piangeva i danni che per quello era stato seguito, chi si dolea della morte del padre e de' parenti, chi dell' avere ch' era stato tolto loro, chi delle violense, altri del dizonoramento delle donne, chi della fortuna che 30 tanto tempo l' avea comservato, chi si piglava piacere avendo vissuto tanto che quello potea calcare et disfare, intanto che li parea essere in nel secondo paradizo, chi dicea : omai non curo morte, poi che tal libertÓ ˛ veduta ; et essendoli la morte venu35...
Page 339 - Quel savio prete s' aprezent˛ al signore, E 'l suo compagno fuora rimanea. S' inginochi˛ per farli grand' onore, Segondo ch'al baron si convenia. E messer Bernab˛ si 'l prese allore, E la cappa di dosso trar volea, E minacci˛lo a morte con spavente: Se vuoi scampar non favellar niente. Per la paura trem˛ pi¨ che fogla; La savia donna si misse a pregare.
Page 159 - l vostro officio. Et dipo' molte parole, tanto li seppe ben dire, che lui ritorn˛ in nello officio ; et questo torn˛ molto danno alla ciptÓ di Luccha e a' ciptadini. 25 E avendo sentito Alderigo Interminelli chome il dicto Simone era impacciato ea pericolo del fuoco, posto che fusse fanciullo, n...
Page viii - ... agli altri miseri governi della miserissima Italia; e si pu˛ di tutte tre ripetere ci˛ che di Lucca scrisse un de' suoi, Salvatore Bongi, nel pubblicare di recente intero il Sercambi. ź Una certa prudenza, che a noi in tanta mutazione di casi pare ignobile timidezza, consigliava a...
Page i - ISTITUTO STORICO ITALIANO FONTI PER LA STORIA D'ITALIA PUBBLICATE DALL'ISTITUTO STORICO ITALIANO SCRITTORI . SECOLO...
Page 231 - Et quello che lui prese, promettendo non metterlo in mano del signore di Padova, fecie il contrario; che quello alle mani del dicto signore venne (Cron.
Page 346 - Quel da Verona fa pianto e sospire, Messer Antonio, cho la sua gente Tucto di bruno si volse vestire. Quel da Ferrara ancora similemente. E que' gran pianti i' non potrei dire, 385 Che fe
Page 260 - CCCXXI. COME LA MOR╠A FU IN LUCCHA E IN NEL CONTADO E ALTRO'. La divina bontÓ, vedendo che i ciptadini di Luccha e contadini erano in tanta discordia montati, non volendo lo libero albitrio alli homini ragionevoli tollere, lassando il dicernere lo bene dal male, et vedendo per tucto questo che in Luccha la discordia crescea & pogo giovava li antichi exempli, diliber˛ la sua 5 sapiensa, poi che non valea altro, almeno per la paura del divino iudicio, altri dal mal proposito mutar si dovesse.
Page 64 - ... religiosi sta fare e compuonere libri teologi e divini, coi quali si difenda la fede di Christo dalli heretici e scismatici...

Bibliographic information