Analisi Tecnica 5

Front Cover
REI (Rifreddo), Mar 23, 2011 - Nature - 76 pages
0 Reviews

 Leonardo Fibonacci è considerato tra i più grandi matematici del Medioevo e viene ricordato soprattutto per via della sua sequenza divenuta ormai celeberrima. L’uso della sequenza di Fibonacci risale all’anno 1202. Essa si compone di una serie di numeri nella quale ognuno di essi è la somma dei due numeri precedenti (0,1,1,2,3,5,8,13,21,34,55,89,…).

Prendendo spunto da Leonardo Fibonacci da Pisa, uno dei più grandi protagonisti della storia della matematica, Ralph Elson Elliot elaborò una precisa teoria di previsione dei mercati finanziari con la quale in tempi recenti sono stati anticipati i più grandi rialzi e i più grandi crolli di borsa. Usando le onde di Elliot ed i numeri di Fibonacci, il docente universitario G. Migliorino ha previsto con incredibile precisione il punto minimo del drammatico ribasso dell’estate ‘98.

L’utilità nel trading della seria di Fibonacci consiste nella considerazione logica che anche in un trend molto sostenuto si possono verificare delle correzioni o meglio rintracciamenti naturali che non vanno a invalidare la tendenza principale. 

Per esempio se abbiamo un trend sostenuto al rialzo, con Fibonacci possiamo calcolare il rintracciamento potenziale a 38.2%, a 50%, 61.8%, queste soglie sono le più utilizzate, anche se graficamente i software ne rappresentano di più, in particolare ogni soglia rappresenta un possibile target, fino a 61.8% in seguito al quale si può ragionevolmente ritenere che siamo in presenza di un cambiamento di trend o tendenza.

Due delle più comuni applicazioni dei numeri di Fibonacci hanno a che fare con il timing nei mercati futures e con la stima delle entità nei movimenti dei prezzi.


What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

About the author (2011)

 The Chief Economist - Ha passato quasi trent’anni nel mondo finanziario (1985 - oggi) lavorando per primari Istituti di Credito, in seguito come Promotore Finanziario e infine come analista e consulente finanziario indipendente, dopo aver amministrato e gestito una propria società di Gestioni Patrimoniali. 

Bibliographic information