Crimini e memorie di guerra: violenze contro le popolazioni e politiche del ricordo

Front Cover
Luca Baldissara, Paolo Pezzino
l'Ancora del Mediterraneo, 2004 - History - 375 pages
0 Reviews
Nel Ventesimo secolo, l'avvento della guerra totale ha rappresentato una sfida radicale agli sforzi, effettuati nel secolo precedente, per "civilizzare" la guerra. Dalla Prima alla Seconda guerra mondiale la violenza è aumentata in maniera esponenziale, mettendo a punto tecniche di distruzione di massa, che hanno moltiplicato il numero delle vittime e quasi annullato la distinzione tra militari e civili. Tutto ciò ha determinato anche un radicale cambiamento nelle narrazioni di guerra e nelle pratiche commemorative e, dunque, nelle politiche della memoria: a partire dal secondo conflitto mondiale, guerra e genocidio sono sempre più intrecciati l'una all'altro, con il risultato che i testimoni civili hanno modellato la narrazione della guerra.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Related books

Contents

guerra ai civili
8
premessa p 61 sulla tipologia del regime
70
stalingrado come cesura p
82
Copyright

15 other sections not shown

Other editions - View all

Common terms and phrases

References to this book

Bibliographic information