I sette cerchi del Purgatorio de Dante: saggio di studi (Google eBook)

Front Cover
Libreria alla Minerva editrice, 1867 - 279 pages
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 169 - Siede la terra, dove nata fui, Sulla marina dove il Po discende Per aver pace co
Page 220 - Quel dolce pome, che per tanti rami Cercando va la cura de' mortali, Oggi porrà in pace le tue fami: Virgilio inverso me queste cotali Parole usò, e mai non furo strenne Che fosser di piacere a queste iguali.
Page 78 - Nostra virtù, che di leggier s' adona, Non spermentar con l' antico avversaro, Ma libera da lui, che sì la sprona. Quest' ultima preghiera, Signor caro, Già non si fa per noi, ché non bisogna, Ma per color, che dietro a noi restaro.
Page 259 - Più non si va, se pria non morde, anime sante, il foco: intrate in esso, ed al cantar di là non siate sorde...
Page 198 - Ahi, Costantin, di quanto mal fu matre, Non la tua conversion, ma quella dote Che da te prese il primo ricco patre!
Page 188 - Quando con vece assidua Cadde, risorse, e giacque, Di mille voci al sonito Mista la sua non ha : Vergin di servo encomio E di codardo oltraggio Sorge or commosso al subito Sparir di tanto raggio, E scioglie all, urna un cantico, Che forse non morrà.
Page 80 - Metello, per che poi rimase macra. 10 mi rivolsi attento al primo tuono, E, Te Deum laudamus, mi parea Udir in voce mista al dolce suono.
Page 149 - Troppa è più la paura ond'è sospesa l'anima mia del tormento di sotto, che già lo "ncarco di là giù mi pesa...
Page 133 - E qual soffrisse di starla a vedere Diverria nobil cosa, o si morria: E quando trova alcun che degno sia Di veder lei, quei prova sua virtute; Che gli avvien ciò che gli dona salute, E si l'umilia, che ogni offesa oblia.
Page 192 - Forse l'interdetta dolcezza dell' alzare a Dio anche colle labbra la preghiera è acerba, ricordanza e pena per anime , che un giorno al pregare furono troppo restie, e che or debbono intendere meglio che mai come la preghiera è il più sublime tra i privilegi degli uomini, quello che loro permette d'avvicinarsi e parlare a Dio. Forse il continuo raccoglimento nell' orazione mentale, e il pianto misto con essa (cfr. v. 99), tien luogo d' orazione vocale per gente, che dee rammentarsi e piangere...

Bibliographic information