Nuove osservazioni intorno all'origine e alle varietà del sonetto nei secoli XIII e XIV. (Google eBook)

Front Cover
Istituto italiano d'arti grafiche, 1895 - Sonnets - 40 pages
1 Review
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 14 - Ma no lo dico a tale intendimento, perch'io peccato ci volesse fare; se non veder lo suo bel portamento e lo bel viso e '1 morbido sguardare: che lo mi teria in gran consolamento, veggendo la mia donna in ghiora stare.
Page 14 - dalla fusione (non dalla semplice unione) di uno strambotto di otto versi con uno strambotto di sei
Page 14 - E per ingegno lo fa star dolente. E per orgoglio mena grande oltraggio. Cui elio prende, grave pena sente, Ben è conquiso chi à suo signoraggio.
Page 35 - Atti e Memorie della R. Deputazione di Storia patria per le Provincie di Romagna», s.
Page 14 - Perch' io peccalo ci volesse fare; Se non veder lo suo bel portamento , E lo bel viso e 'l morbido sguardare, Chè 'I mi terria in gran consolamento Veggendo la mia donna in gioia stare.
Page 14 - I must finish off what might be a much longer collection with a charming little scrap, quite in rispetto tone, by Guinicelli : " Vedut 'ho la lucente stella diana — Ch...
Page 15 - ... prospetto i risultati dell'intero lavoro. E tale desiderio si farà sentire anche più vivo a chi abbia scorso superficialmente soltanto qualche parte della nostra trattazione. frettati subito a dichiarare che esso non è un prodotto artificiale, sì bene un prodotto spontaneo. E qui soggiungiamo che dobbiamo tenerci paghi di aver stabilito quali sono gli elementi che, combinandosi quasi chimicamente insieme, diedero origine ad un nuovo composto in cui la loro natura non è più ben riconoscibile...
Page 32 - L. BIADENE, II collegamento delle stanze mediante la rima nella canzone italiana dei secoli XIII e XIV, Firenze, Carnesecchi 1885.
Page 15 - Evidentemente il nuovo metro nacque modellandosi sulla stanza della canzone; questa che si divide appunto in due parti essenziali, una delle quali o ambedue partite in due periodi metrici, fu che persuase al poeta d'arte l'unione, quindi la fusione de...

Bibliographic information