Occhiacci di legno: nove riflessioni sulla distanza

Front Cover
Feltrinelli, Jan 1, 1998 - History - 231 pages
0 Reviews
Il libro indaga, da punti di vista diversi, le potenzialità cognitive e morali, costruttive e distruttive dello spaesamento e della distanza. Perché una lunga tradizione ha attribuito allo sguardo dell'estraneo - del selvaggio, del contadino, dell'animale - la capacità di svelare le menzogne della società? Perché la riflessione sul mito serve a distanziare la realtà, mentre il mito è spesso uno strumento politico per controllare gli ignari? Perché il Cristianesimo fece propria la proibizione mosaica delle immagini ma favorì da un certo momento in poi la diffusione di immagini devozionali? Perché ricorriamo così spesso a metafore visive come "prospettive" o "punti di vista"?

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
11
Section 2
13
Section 3
15
Copyright

8 other sections not shown

Common terms and phrases

References to this book

All Book Search results »

Bibliographic information