Studi di economia e finanza (Google eBook)

Front Cover
Società tipografico-editrice nazionale, 1907 - Economics - 207 pages
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Popular passages

Page 38 - ... effetti di variazioni della pressione tributaria in mercati aperti, e trascura quelli che avrebbero luogo in un mercato chiuso. Quindi, tutto al più, il medesimo potrebbe bastare per una metà dei possibili fenomeni. Gli economisti lo hanno confutato dozzine di volte, ma siccome ogni generazione giunge alla luce del sole altrettanto ingenua , quanto lo erano, al loro apparire, le precedenti , non trasmettendosi le cognizioni acquisite, ma soltanto i mezzi per conseguirle , ne viene , che , appena...
Page 107 - ... che il Lameire da anni prosegue: « Gli scrittori antichi di diritto internazionale intesi a gettare le basi della scienza, badano unicamente a mettere insieme un corpo di dottrine, composto per lo più di reminiscenze classiche e magari bibliche e di concetti filosofici, e appoggiato più sul diritto naturale, da essi appunto messo in voga, che non sul diritto positivo. Gli internazionalisti moderni guardano più al futuro che a! passato, curanti più di prevenire gli abusi del diritto di conquista...
Page 107 - ... giuridico dell'autore. Dato che tutta la sua trattazione si impernia nel concetto di sovranità, ne discende per logica inesorabile che se ne debbano escludere tutti quei casi in cui il concetto medesimo appaia infetto di quella, che il Lameire designa in genere come precarietà. La quale può derivare da tre fonti principalmente, e cioè o dal vincolo feudale finché esso conserva importanza politica, o dalla egemonia imperiale così persistente in tanti paesi come è troppo noto, o dalle pretensioni...
Page 127 - ... che non vi è sorte più infelice in un principato di quella di non poter sussistere in tempo di pace senza far nuovi debiti; perché dilatandosi sempre più il male, la difficoltà del rimedio inlanguidisce le applicazioni, e per risanarlo conviene poi ricorrere a quegl' espedienti che feriscono ugualmente il cuore del Principe che l
Page 188 - non vi è sorte più infelice in un principato di quella di non poter sussistere in tempo di pace senza far nuovi debiti > . Vi appare la cura e lo studio costante di ripartire equamente l...
Page 107 - ... fortunose vicende dell'occupazione bellica; quando i confini dei due Stati belligeranti sono in continuo movimento, fluttuando e spostandosi incessantemente a seconda del successo di una carica di corazzieri o di una incursione di foraggiatoli o di una punta di pattuglia. L'autore quindi vuole lasciar parlare i fatti stessi; proponendosi — com'egli dice immaginosamente — di raccogliere la teoria giuridica, non sotto la penna dei pubblicisti, ma sotto quella degli intendenti, dei commissarii...
Page 120 - R. Commissione per la pubblicazione dei documenti finanziari della Repubblica di Venezia Serie 2-\ Bilanci Generali della Repubblica di Venezia.
Page 127 - ... così esorbitante, che appena si potevano cimentare per pareggiarlo le speranze nonché le prove » (n, 54). Vi si rimediò con qualche accrescimento di rendita, ma sovratutto con
Page 152 - ... l'una delli dazj delle legne da fuoco, che assai aggravano e poco rillevano in pubblico, l'altra degl'affitti dei boschi di molto tenue rilevanza; al Stallaggio due casse: l'una del dazio, l'altra dell'estraordinario che raccoglie il terzo delle senserie, quando avesse a correre, e le vareedi Spalato, pur esercitate da due ministri. In tutte le accennate, per la quantità e qualità delle loro incombenze, sarà conosciuto da magistrati competenti rendersi sufficiente una sola mano di ministri...
Page 154 - Al solito ossi fanno delle raccomandazioni ai Magistrati competenti « a rinforzar le loro fervide diligenze « a fine « che resti in avvenire promossa una più abbondante esazione » ; incuorandoli a prestare sull'argomento « una particolare attenzione per rinvenirvi il conveniente riparo ». Ma essi medesimi sono scettici sui risultati delle loro esortazioni ed anzi accade che per la tansa della terraferma prevedono per il futuro « sempre maggiori diminuzioni, e tali che la faranno riuscire...

Bibliographic information