Storia critica de' teatri antichi e moderni, Volume 2 (Google eBook)

Front Cover
Presso Vincenzo Orsino, 1787 - Drama
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Popular passages

Page 121 - un ottimo modello della commedia tenera, la quale richiede un poeta di cuore assai sensibile e delicato, genere che presso gli oltramontani è degenerato in una non plausibile e ben difettosa commedia 'larmoyante
Page 182 - Voltaire per una favola tanto dagli antichi e da' moderni maneggiata e ripetuta? 1. È da vedersi il Teatro greco di Pietro Brumoy, il quale in parlando della Medea di Euripide, ne ha fatto il paragone con questa di Seneca, ed in questa ha notate molte rare bellezze e vari tratti degni di ammirazione (NS)- Cfr. P. Brumoy, Le thédtre des Grecs, ed.
Page 276 - Selva de' poeti, dice, che di queOa inferiorità n' è cagione , che i Latini non hanno amata la fatica della lima , e flati fono impazienti d'indugio , mandando fuori troppo. frettolofamente i lor parti , ne' quali più ingegno che ftudio fi fcorge.
Page 174 - ... aver più parte la mente che il cuore. Il soliloquio di Medea che forma l'atto i, e serve d'introduzione, è vigoroso. Invocati gli dei che presiedono alle nozze funeste, come furono le sue, e il Caos e le Furie (che può risentirsi alcun poco della declamazione senza riserba imputata a Seneca), si determina a una vendetta orrenda. In parole altiere, e quali dall'acuto critico Boileau si concedono allo sdegno e all'indignazione,1 da ad intendere i delitti e la strage che va meditando: Quodcumque...
Page 181 - ... gusto di cui detestando il fatto ne ammira la dipintura. Non aveva torto Grazio allorché del latino linguaggio affermava che «spirat tragicum satis, et feliciter audet».4 Da alcuni questa Medea latina è anteposta alla greca. Noi non osiamo giudicare del patetico che in entrambe si trova espresso con tanta verità che giugne al cuore. Ma la condotta della latina sembra più rapida e più regolare, e vi si eccita il terrore i. Med., 924-35 («Figli una volta miei, voi pagate il fio per i delitti...
Page 276 - Gellio lib.ir, c.ij. ) leggiamo le commedie de'noflri poeti prefe e tradotte da quelle de' Greci , di Menandro cioè, di Pofidio , di Apollodoro, di Aleflì , e di altri.
Page 277 - ... al giudizio del popolo , e ritenere ciò che eflb col fuo applaufo approvale. Ma nelle materie letterarie è fempre miglior configlio 1...

Bibliographic information