La Pia de' Tolomei: leggenda romantica di Benedetto Sestini (Google eBook)

Front Cover
coi tipi Borroni e Scotti, 1848 - 94 pages
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 7 - Appennini Veggionsi quasi immensi anfiteatri, E dall' altro tra i nuvoli turchini Di San Giulian le cime, e di Velatri, E dalla parte dei flutti marini, Sempre di nebbia incoronati ed atri, Sembrano uscir dall' umido elemento I due monti del Giglio e dell'Argento.
Page 37 - con cui, son due mesi, ivi passai, Della vittima sua dagli novella : Digli qual mi vedesti, e dì che i rai Chiusi sposa innocente e fida ancella , Che gli perdono i maleficj sui : E imploro anche da Dio perdono a lui.
Page 91 - fa mobil peso alle ginocchia , Or dolce incarco alle robuste braccia. L' ode la moglie intenta alla conocchia , E la luna, che a lei risplende in faccia, La concetta pietà che muta cela Sulle bagnate guance altrui rivela.
Page 19 - inaugurati! Tu principio, tu fin de ' miei desiri, Far potevi i miei giorni ei tuoi beati : Or sei cagion de' miei, de' tuoi sospiri : Per placarmi, espiando i tuoi peccati, Qui muori. Io fra i rimorsi ed i martiri Morrò : vendetta avrommi e non conforto ; Ma teco starmi non poss
Page 29 - Fuggon la valle di lor vita ingorda, E nelle fratte appiattansi gli augelli Cinguettando con voce incerta e sorda; Sol la cicala in vetta agli arboscelli Collo stridulo metro i campi assorda , Né contro al sole di garrir si stanca Finché l'adamantin grido le manca. Non più scorron sonando i rivi alpestri
Page 6 - quanto nelle Maremme ho raccolto da vecchie tradizioni e da altri documenti degni di fede, mi ha dato campo di descrivere alla foggia dei Greci alcuni celebri casi e luoghi della Patria, e gli antichi
Page 39 - il burron sdrucciola al basso, E fra la terra e il ciel riman sospesa, Sul caprifico , o su sporgente sasso Bela, né può salir , né far discesa ; L'ode il pastor dall' imo, ed a mirarla Stassi, e si duol di non poter salvarla.
Page 19 - ella dormisse , sorse in un baleno , Si mosse a lenti passi, e poi ristette Immoto , indi ai sospiri allargò il freno , E con fioca sclamò voce dimessa : — O donna a me fatale , ed a te stessa.
Page 93 - quelli che non cantino con grazia le loro leggende , ei canti del Tasso : molti di essi anche improvvisano in versi, ed a questi costumi si riferisce l'ottava 45 del terzo canto ove s'introduce a cantare uno di questi rustici poeti.
Page 31 - onda fresca Di Fontebranda, e di sua patria gli agi, Ei colli, che odorosa aura rinfresca , E le mense e le ancelle ei bei palagi, Ove dolce menò vita serena In temperato clima, e in terra amena.

Bibliographic information