Il cinema secondo me: scritti e interviste (1974-1992)

Front Cover
Il Castoro, 2008 - Performing Arts - 283 pages
0 Reviews
Questo volume raccoglie scritti e interviste di Luigi Comencini relativi al periodo 1974-1992, e offre la possibilità di ripercorrere, a partire dalla riscoperta in Francia, l'intera carriera del regista. Definendosi "artigiano" del cinema, Luigi Comencini ha sottovalutato se stesso e il proprio riconosciuto ruolo di autore. Ribadendo con orgoglio la validità di molti suoi film, indipendentemente dall'accoglienza di pubblico e critica, ne ha sempre voluto condividere il successo con coloro che considerava i coautori: sceneggiatori, attori, produttori. La preoccupazione con cui Comencini guardava ai rapidi cambiamenti di un "mestiere" da lui tanto amato non è solo nostalgia per un cinema che non c'è più: è analisi lucida di un patrimonio materiale e morale che dovrebbe essere di insegnamento per il futuro e che invece viene disperso, ai suoi occhi, nella volgarità dilagante.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

a a
5
Intervista a Luigi Comencini di Jean A Gili
37
Intervista a Luigi Comencini di Dominique Rabourdin e Jean Roy
56
Copyright

15 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information