Sopra un monumento della scuola di Luca della Robbia aggiunto dal Museo sacro della Biblioteca Vaticana: Diss (Google eBook)

Front Cover
Tip. Vaticana, 1886 - 51 pages
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Popular passages

Page 30 - Tu se' colei che l'umana natura Nobilitasti sì, che il suo Fattore Non disdegnò di farsi sua fattura. Nel ventre tuo si raccese l'amore, Per lo cui caldo nell'eterna pace Così è germinato questo fiore. Qui sei a noi meridiana face Di caritade, e giuso, intra i mortali, Se' di speranza fontana vivace. Donna, se' tanto grande, e tanto vali, Che qual vuol grazia, ea te non ricorre, Sua disianza vuol volar senz'ali.
Page 32 - Su per lo suoi che d ogni parte oliva. Un'aura dolce senza mutamento Avere in sé, mi feria per la fronte Non di più colpo che soave vento: Per cui le fronde, tremolando pronte, Tutte quante...
Page 29 - Ed a quel mezzo, con le penne sparte, Vidi più di mille angeli festanti Ciascun distinto e di fulgore e d'arte. Vidi quivi...
Page 40 - E nelI l'ornamento de'pilaslri di quell' opera dipinse nel piano certi festoni a mazzi di frutti e foglie sì vive e naturali , che col pennello in tavola non si farebbe altrimenti a olio : ed in vero questa opera è maravigliosa e rarissima, avendo in essa Luca fatto i lumi e l'ombre tanto bene , che non pare quasi che a fuoco ciò sia possibile.
Page 20 - Innanzi ad un giudice quale a que'giorni era il popolo, caldo di fede e avente a sua suprema dolcezza e suo primo bisogno la religione, e che di un culto cosi poetico, così affettuoso venerava la gran Regina degli Angioli, all'artista che voleva rispondere in modo degno al suo argomento, era di mestieri studiare tutte le vie del cuore e partecipare a quel sacro fervore onde il popolo era compreso. Ove poi conseguisse lo scopo desiderato, erano insieme premio ed elogio dell'opera le lagrime ei gemiti...
Page 27 - L'Amor che mosse già l'eterno Padre, Per figlia aver di sua deità trina Costei, che fu del suo Figliuol poi madre, Dell
Page 20 - Cesario e du altri, ed è mirabile come narrazioni che il nostro secolo sdegna leggere o deride, fornissero alla scuola giottesca si copiose e squisite bellezze, e alla pietà del popolo cristiano per molti secoli un pascolo soave. Alcune fiate la pittura associando la sua opera a quella elei vati, coloriva le pagine più belle della Divina Commedia oi Trionfi di Francesco Petrarca.
Page 28 - Santo continua ad istruire Dante su quel che gli resta a fare per disporsi a conseguire il suo finale intento, con che accenna allo scopo della propria missione: Acciò che tu assommi Perfettamente , disse , il tuo cammino , A che prego ed amor santo mandommi , Vola con gli occhi per questo giardino ; Che veder lui t'acuirà lo sguardo Più a montar per lo raggio divino. 1 Par. xxxi. 61. E la Regina del cielo , ond...
Page 16 - ... delle terre cotte invetriate, o più propriamente l'applicazione degli smalti e delle vernici alle opere di plastica, che gli antichi maestri, e massime gli orafi, usarono distendere sopra corpi per lo più d'argento in bassissimo rilievo. Leggi gli annotatori del Vasari della citata edizione del Le Monnier (voi. Ili, Vita di Luca Della Robbia), o della nuova ristampa fatta a questi dì dal Sansoni nella stessa città di Firenze. — 16 — seconda maniera che abbiamo detto, ossia è lavorato...
Page 35 - Clleanx voyant les progrès merveilleux que, Bernard avait faits dans la vie spirituelle, cl connaissant sa capacité dans les affaires , le chargea de la fondation cl le fil partir avec ses frères et quelques autres religieux au nombre de douze, cl l'établit leur abbé.

Bibliographic information