Fra Ariosto e Tasso: vicende del poema narrativo : con un'appendice di studi cinque-secenteschi

Front Cover
Edizioni della Normale, 2006 - Literary Criticism - 428 pages
0 Reviews
Perché una delle stagioni narrative più ricche della letteratura italiana non ha prodotto nessun capolavoro? Che fine hanno fatto, intorno alla metà del Cinquecento, la libertà romanzesca e la leggerezza ironica dell' "Orlando Furioso"? E a che pubblico erano destinati i lunghi poemi d'avventure stampati a decine in quegli anni? Queste sono alcune delle domande da cui trae spunto il libro di Guido Sacchi, dedicato alla letteratura narrativa in versi compresa tra Ariosto e Tasso. Lo studio delle strategie editoriali (paratesti, prefazioni) e delle forme narrative (l'intreccio, l'istanza autoriale, l'ironia) permette di illustrare la varietà di una produzione abbondante e spesso sorprendente, e al tempo stesso di far emergere le linee di forza di uno sviluppo che rispecchia l'evoluzione della cultura rinascimentale (crisi della società di corte, disciplinamento etico e religioso). L'indagine approda così a un quadro storiografico molto ampio, che mette in relazione centro e periferia, letteratura d'élite e produzione di consumo, esigenze commerciali e riflessioni accademiche, e che permette di riscoprire molte figure dimenticate di questa stagione ricca di esperimenti. L'appendice al volume accoglie altri interventi sulla letteratura cinque-secentesca.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

il paratesto
27
Proemi e finali
63
Bibliografia
275
Copyright

5 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information