La prima mano

Front Cover
Rizzoli, 2009 - Fiction - 188 pages
0 Reviews
"La prima mano" quella del padre, un tempo forte e protettiva, mano amata e amorosa, che sorregge, cura e salva. Scorrono i ricordi mentre l'autrice, col suo sguardo di bambina, di adolescente e poi di donna, attraversa gli anni di un'esistenza che appare privilegiata e dolente. Lo sguardo rimane sempre lo stesso, acuto, preciso, intuitivo, vero. C' una guerra che sconvolge il Paese e la bambina la osserva attenta, i bombardamenti e la fame, l'occupazione e le stragi dei nazisti. Ci sono vacanze al mare e in montagna, dimore borghesi con cameriere e balie, l'autista Francesco, "possente e meraviglioso", le due sorelle e il fratello. Ci sono i primi turbamenti, l'infelice consapevolezza del proprio corpo. I viaggi con la famiglia su improbabili treni, mentre scene belliche di desolazione passano nel sole dell'estate davanti al portellone aperto del vagone bestiame. La narratrice percepisce il mondo che si sgretola fuori dalle sue stanze e intanto coltiva un senso di universale compassione che non la lascia mai, neanche quando nell'et matura conosce l'amore pi doloroso e profondo, che offre al lettore con incursioni fulminee nella materia viva della memoria pi recente.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
64
Section 2
73
Section 3
81
Copyright

8 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information