Scritti vari (Google eBook)

Front Cover
1871
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Popular passages

Page 136 - Tu se' colei che l'umana natura Nobilitasti sì, che il suo Fattore Non disdegnò di farsi sua fattura. Nel ventre tuo si raccese l'amore, Per lo cui caldo nell'eterna pace Così è germinato questo fiore. Qui sei a noi meridiana face Di caritade,- e giuso, intra i mortali. Se' di speranza fontana vivace. Donna, se' tanto grande, e tanto vali, Che qual vuoi grazia, ea te non ricorre, Sua disianza vuoi volar senz'ali.
Page 95 - VS mi scrive; ma nelle sue parole riconosco l'amore che mi porta; e le dico che per dipingere una bella, mi bisognerebbe veder più belle; con questa condizione, che VS si trovasse meco a far scelta del meglio: ma essendo carestia e di buoni giudici e di belle donne, io mi servo di certa idea che mi viene alla mente.
Page 383 - Tutto vi lasciamo alle soglie delle nostre badie, fin la polvere delle passate ricchezze ci scrolliamo dal saio; tutto prendete: ma non toccate al sagramento della nostra fede monastica. E troppo cara ai nostri cuori, è troppo cara alla nostra Italia. Questa è cattolica, e non protestante: nella via che essa viaggia per la città di Dio, vuoi trovare uomini, che parlino con Dio; la solitudine le farebbe paura. Questa patria di Dante e di Raffaello innamorata di Dio, che discese per la via delle...
Page 383 - Lasciateci monaci, se ci volete cittadini benefici. Il tristo monaco nel mondo è una contraddizione in veste grottesca: e questi non son tempi da ridere. Tutto vi lasciamo alle soglie delle nostre badie, fin la polvere delle passate ricchezze ci scrolliamo dal saio; tutto prendete: ma non toccate al sagramento della nostra fede monastica. E troppo cara ai nostri cuori, è troppo cara alla nostra Italia.
Page 359 - Benedetto poteva farlo; perché la raccolse bambina di mano ai barbari. Fra le braccia di quel monaco l'Italia vagì, e dalle sue labbra salmeggianti accolse il mistero della vecchia civiltà latina. Fanciulla, lo accompagnava nella diurna fatica dei campi, attenta lo ascoltava salmeggiare la notte nella casa di Dio; ed imparava la vita nel lavoro dei suoi monaci, consociati dal vincolo della preghiera. Addossò alle mura delle sante badie la capanna dei suoi coloni e con l'incenso dei monastici...
Page 22 - La carne de' mortali è tanto blanda, Che giù non basta buon cominciamento, Dal nascer della quercia al far la ghianda. Pier cominciò senz' oro e senza argento, Ed io con orazione e con digiuno , E Francesco umilmente il suo convento. E se guardi al principio di ciascuno, Poscia riguardi là, dov' è trascorso, Tu vederai del bianco fatto bruno.
Page 384 - Y uomo, per questa via vuole ascendere a lui ; vuole l' arte della religione; vuole il culto. Lasciate un rifugio all'Italia, vedovata, per carceri, per esigli, per guerre, di tanti figli ; lasciatele posare il capo nel seno delle nostre salmodie. Con questi canti noi la cullammo fanciulla. L'uomo d'armi, l'uomo del lavoro, l'uomo dei negozi, tutti hanno cittadinanza nella vostra compagnia; possibile, che il solo uomo della preghiera sia forestiero nella terra dei cattolici? Lasciateci salmeggiare,...
Page 95 - Minervae, contemplabatur aliquem, e quo similitudinem duceret, sed ipsius in mente insidebat species pulchritudinis eximia quaedam, quam intuens in eaque defixus ad illius similitudinem artem et manum dirigebat.
Page 233 - Scrittori del suo secolo nell' acconcia significazione di quelle cose che s' appartengono all' arte militare e marineresca ; in guisa che non ve n' ha alcuna , che non sia nettamente scolpita sulla pagina per propria appellazione: e di questo dovranno sapergli grado i filologi. Una nobile anima si rivela in questa scrittura , diciamo di quella nobiltà che è nello schietto abborrimento del vizio ed amore alla virtù , consegrato da una religione, che sta proprio nel cuore dello scrittore, e lo governa...
Page 379 - Montecassino, cuna e seggio perpetuo del loro instituto, faro luminoso e porto sicuro. di pace fra le tenebrose procelle dei secoli selvaggi, domicilio puro e sereno, che, prospettando .dall'alto il bel paese che lo circonda, sembra invitare gli uomini a mettere in atto la bramata concordia della terra e del ciclo.

Bibliographic information