Lezione sopra i sette P. ricordati da Dante nel canto IX del Purgatorio: detta della Società colombaria fiorentina nell'adunanza del dì 10 settembre 1837 (Google eBook)

Front Cover
Stamperia di L. Pezzati, 1837 - Literary Criticism - 16 pages
0 Reviews
  

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

Popular passages

Page 8 - Fui io a lui men cara e men gradita; E volse i passi suoi per via non vera, Immagini di ben seguendo false Che nulla promission rendono intera; Nè l' impetrare spirazion mi valse, Con le quali ed in sogno ed altrimenti Lo rivocai; si poco a lui ne calse. Tanto giù cadde, che tutti argomenti Alla salute sua eran già corti, Fuor che mostrargli le perdute genti. Per questo visitai 1' uscio de' morti, Ed a colui che 1' ha quassù condotto Li prieghi miei piangendo furon porti.
Page 8 - Né impetrare ispirazion mi valse, Con le quali ed in sogno ed altrimenti Lo rivocai; sì poco a lui ne calse. 136. Tanto giù cadde, che tutti argomenti Alla salute sua eran già corti, Fuor che mostrargli le perdute genti. 139. Per questo visitai 1' uscio dei morti, Ed a colui che 1' ha quassù condotto, Li preghi miei, piangendo, furon porti.
Page 8 - Che si alti vapori hanno a lor piova, Che nostre viste là non van vicine; Questi fu tal nella sua vita nova Virtualmente, ch'ogni abito destro Fatto averebbe in lui mirabil prova. Ma tanto più maligno e più silvestre Si fa il terren col mal seme, e non colto, Quant'egli ha più di buon vigor terrestre.
Page 6 - Nel mezzo del cammin di nostra vita, Mi ritrovai per una selva oscura Che la diritta via era smarrita.
Page 7 - Sì che, se piacere sarà di colui a cui tutte le cose vivono, che la mia vita duri per alquanti anni, io spero di dicer di lei quello che mai non fue detto d'alcuna.
Page 9 - Per questo visitai l' uscio de' morti, Ed a colui, che l' ha quassù condotto, 140 Li prieghi miei, piangendo, furon porti. L' alto fato di Dio sarebbe rotto, Se Lete si passasse, e tal vivanda Fosse gustata senza alcuno scotto Di pentimento che lagrime spanda.
Page 15 - ... adempie che non si può fornir per la veduta; e con le dita della destra scempie trovai pur sei le lettere che 'ncise quel dalle chiavi a me sovra le tempie : a che guardando il mio duca sorrise.
Page 7 - ... per paura; e temo che non sia già sì smarrito, ch'io mi sia tardi al soccorso levata, per quel ch'i
Page 11 - Divoto mi gittai a' santi piedi : Misericordia chiesi che m'aprisse, Ma pria nel petto tre fiate mi diedi. Sette P nella fronte mi descrisse Col punton della spada, e, fa che lavi, Quando se' dentro, queste piaghe, disse.
Page 13 - P. denotar volevano , secondo il comune sentimento degli antichi , e moderni espositori, i sette peccati mortali , come poteva mai Dante prosciogliersi da questi , mentre andava visitando le orribili pene delle anime del Purganti ? E fa...

Bibliographic information