A Selection from Italian Prose Writers: With a Double Translation : for the Use of Students of the Italian Language on the Hamiltonian System

Front Cover
Hunt and Clark, 1828 - Italian language - 574 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 33 - Lorenzo dove, per la moltitudine che nel tempio era, facilmente e sanza sospetto potevono stare, e quegli altri insieme con Giuliano, venne l'ora destinata: e Bernardo Bandini con una arme corta a quello effetto apparecchiata passò il petto a Giuliano, il quale dopo pochi passi cadde in terra; sopra il quale Francesco de...
Page 12 - ... che chiunque avea cruccio alcuno, quello col fargli alcuna onta o vergogna sfogava. La qual cosa udendo la donna, disperata della vendetta, ad alcuna...
Page 8 - Questi fu grande letterato quasi in ogni scienza, tutto fosse laico; fu sommo poeta e filosafo, e rettorico perfetto tanto in dittare e versificare, come in aringa parlare nobilissimo dicitore, in rima sommo, col più pulito e bello stile che mai fosse in nostra lingua infino al suo tempo e più innanzi.
Page 12 - Dico adunque che ne' tempi del primo Re di Cipri, dopo il conquisto fatto della Terra santa da Gottifrè di Buglione, avvenne che una gentil donna di Guascogna in pellegrinaggio andò al Sepolcro, donde tornando, in Cipri arrivata, da alcuni...
Page 66 - E non m'è solamente ombra al corpo, ma fastidio e tormento all' animo, e quel ch' è peggio, disonore ed infamia. Vuoi esser tenuto per intrinseco vostro, per ajo mio, per cucco di tutti i prelati di Roma : s' ingerisce con ognuno in mio nome, parla in mio nome, fa professione di consigliarmi e di governarmi di tutto : tanto che a chi. non lo conosce sono tenuto di render conto di lui e di me, e porto parte della presunzione e della tracotanza sua. M...
Page 32 - È cosa veramente degna di memoria , che tanto odio, tanto pensiero di tanto eccesso si potesse con tanto cuore e tanta ostinazione d'animo da Francesco e da Bernardo ricoprire; perché condottolo nel tempio, e per la via e nella chiesa con motteggi e giovenili ragionamenti lo intrattennero.
Page 8 - ... savi intenditori. E fece la Commedia, ove in pulita rima, e con grandi e sottili questioni morali naturali...
Page 61 - Signoria infinite grazie dell'onore che egli ha da voi ricevuto, il quale degnato vi siete di entrare e di soggiornar nella sua picciola casa; ed oltre a ciò, in riconoscimento di tanta cortesia da voi usata verso di lui, mi ha imposto che io vi faccia un dono per sua parte, e caramente vi manda pregando che vi piaccia di riceverlo con lieto animo : e il dono è questo. Voi siete il più leggiadro e il più costumato gentiluomo che mai paresse al vescovo di vedere.
Page 9 - E comiciò uno commento sopra quattordici delle sopraddette sue canzoni morali volgarmente, il quale per la sopravvenuta morte non perfetto si...
Page 61 - ... che voi fate con le labbra e con la bocca, masticando alla mensa con un nuovo strepito molto spiacevole ad udire: questo vi manda significando il vescovo e pregandovi, che voi v'ingegniate del...

Bibliographic information