Ad alta quota: Storia di una donna libera

Front Cover
Marsilio - Social Science - 256 pages
0 Reviews
Dal 12 agosto 2012 tutti i consigli di amministrazione e i collegi sindacali devono riservare un quinto dei posti alle donne, quota che salirà a un terzo a partire dal secondo rinnovo. Una rivoluzione culturale e silenziosa, che sta aprendo al nostro Paese nuovi orizzonti di democrazia ed equità. Principale e coraggiosa artefice di tale rivoluzione è Lella Golfo che ha scelto di raccontarsi in questo libro. Con la sincerità di chi vuole mettersi in gioco e rivivere la propria esperienza per offrirla agli altri, Lella Golfo ripercorre qui le varie fasi della sua vita. Sono tante, non tutte facili, ma accomunate dalla passione per le battaglie, grandi e piccole: le prime lotte nella sua terra di Calabria, per i diritti delle «gelsominaie» e delle raccoglitrici di olive, l’arrivo a Roma e l’inizio di una nuova vita, il matrimonio, un figlio – «l’amore della mia vita» –, il sofferto divorzio – «tra i primi in Calabria» –, la politica attiva, l’amicizia mai rinnegata con Bettino Craxi, la caparbietà nel creare e portare avanti la Fondazione intitolata a Marisa Bellisario, l’impegno all’estero e in patria, l’ingresso in Parlamento nel 2008 fino alla più importante affirmative action mai applicata in Italia. Consapevole che per cambiare alla radice il sistema bisogna entrare di diritto nelle «stanze dei bottoni», Lella Golfo è riuscita a porre sul tavolo la vera questione: l’accesso delle donne al potere. Ma è solo un punto di partenza. Calabrese e testarda fino in fondo, di battaglie da combattere ne ha ancora tante. La sua è la storia di una donna e, insieme, di tutte le donne.

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

About the author (2013)

Lella Golfo, giornalista, nel 1982 costituisce l’associazione culturale Buongiorno Primavera e inizia un percorso di attivismo culturale, politico, sociale dedicato alle donne, alle loro problematiche e aspirazioni, sia in Italia sia all'estero, che dura tutt'oggi. Ha creato la Fondazione Marisa Bellisario, la più autorevole e prestigiosa associazione femminile italiana, una «lobby del merito» che raccoglie le migliori energie del Paese e da venticinque anni lavora per la crescita professionale delle donne. E' stata eletta nel 2008 alla Camera dei deputati tra le file del Pdl.

Antonio Catricalà (1952) è un giurista italiano. Presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato fino al 2011, è attualmente Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri del Governo Monti con funzioni di segretario dello stesso.

Bibliographic information