Alle origini della grammaticografia portoghese

Front Cover
Edizioni Nuova Cultura, 2012 - Language Arts & Disciplines - 117 pages
0 Reviews
L'apparizione, tra XV e XVI secolo, delle prime, organiche grammatiche delle lingue volgari si connette strettamente ad un processo di origine politica, sfociato nelle famose "questioni della lingua", ovvero nel dibattito che accompagnò la scelta della variante da assumere come principale o più rappresentativa, per l'uso letterario e non solo. Nel caso del Portogallo, una delle più antiche monarchie nazionali d'Europa, la cui unità territoriale è rimasta più o meno immutata dalla metà del Duecento ad oggi, la questione si configura in modo molto diverso rispetto all'Italia, e si concentra su due aspetti fondamentali: da un lato la standardizzazione, fonetica, ortografica e lessicale della lingua, di fronte alle opzioni e varianti che si presentavano nel Cinquecento; dall'altro la sua difesa nei confronti delle altre tradizioni nazionali e linguistiche apparentemente più accettate e considerate a livello europeo, prima fra tutte il castigliano. Tale fase coincise con il momento in cui il portoghese stava affrontando una nuova sfida, preparandosi a divenire, grazie alle esplorazioni oceaniche e alla colonizzazione extra-europea, una delle lingue più parlate al mondo.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Introduzione
7
FERNÃO DE OLIVEIRA
23
JOÃO DE BARROS
61
LINGUISTI E ORTOGRAFISTI DELLA SECONDA METÀ
83
Duarte Nunes de Leão
90
Conclusioni
107
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information