An Italian Conversation Grammar: Comprising the Most Important Rules of Italian Grammar, with Numerous Examples and Exercises Thereon, English-Italian Dialogues, Hints on Italian Versification, and Extracts in Italian Poetry, Followed by a Short Guide to Italian Composition. Also an English-Italian and Italian-English Vocabulary

Front Cover
Librairie Hachette, 1903 - Italian language - 264 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 245 - S'ode a destra uno squillo di tromba; A sinistra risponde uno squillo: D'ambo i lati calpesto rimbomba Da cavalli e da fanti il terren. Quinci spunta per l'aria un vessillo; Quindi un altro s'avanza spiegato: Ecco appare un drappello schierato; Ecco un altro che incontro gli vien.
Page 231 - Sir, says the dervise, give me leave to ask your majesty a question or two. Who were the persons that lodged in this house when it was first built? The king replied, his ancestors. And who, says the dervise, was the last person that lodged here? The king replied, his father. And who is it, says the dervise, that lodges here at present?
Page 241 - Lui folgorante in solio vide il mio genio e tacque; quando, con vece assidua cadde, risorse e giacque, di mille voci al sonito mista la sua non ha...
Page 248 - E gli occhi non ardiscon di guardare. Ella sen va, sentendosi laudare, Benignamente d'umiltà vestuta; E par che sia una cosa venuta Di cielo in terra a miracol mostrare. Mostrasi si piacente a chi la mira, Che da per gli occhi una dolcezza al core, Che intender non la può chi non la prova. E par che della sua labbia si muova Uno spirto soave e pien d' amore, Che va dicendo all'anima: sospira.
Page 242 - Come sul capo al naufrago l'onda s'avvolve e pesa, l'onda su cui del misero, alta pur dianzi e tesa, scorrea la vista a scernere prode remote invan; tal su quell'alma il cumulo delle memorie scese! Oh quante volte ai posteri narrar se stesso imprese, e sull'eterne pagine cadde la stanca man!
Page 242 - L' un contro l' altro armato, Sommessi a lui si volsero, Come aspettando il fato ; Ei fe' silenzio, ed arbitro S
Page 231 - a house that changes its inhabitants so often, and receives such a perpetual succession of guests, is not a palace, but a caravansary.
Page 244 - Crederò d'udir quel canto, Onde par che in tua favella Mi compianga, o rondinella. Una croce a primavera Troverai su questo suolo : Rondinella in su la sera Sovra lei raccogli il volo: Dimmi pace in tua favella, Pellegrina rondinella. Canto notturno. Ma una notte che stesa al pavimento Ne' suoi tristi pensier stava raccolta, Le giunse il suon d'un flebile concento Gin1 udito aver pareale un'altra volta.
Page 245 - Quando avvien che un zeflretto per diletto bagni il piè nell'onde chiare, sicché l'acqua in sull'arena scherzi appena, noi diciam che ride il mare. Se giammai tra fio.r vermigli, se tra gigli veste l'alba un aureo velo, e su rote di zaffiro move in giro, noi diciam che ride il cielo.
Page 245 - ... ride la terra. Quando avvien che un zefiretto per diletto bagni il piè nell'onde chiare, sicché l'acqua in sull'arena scherzi appena, noi diciam che ride il mare. Se giammai tra...

Bibliographic information