Anche tu matematico

Front Cover
Garzanti - Mathematics - 233 pages
1 Review
Ci sono molte buone ragioni per conoscere la matematica. La matematica serve per capire meglio il mondo che ci circonda: da come è fatta una casa al perché di un certo evento politico, dai conti della spesa (che diventano i grandi calcoli economici) alla struttura di un cristallo o di una sinfonia, ma serve anche per misurare il cambiamento del mondo e la velocità di questo cambiamento. E con la matematica si può perfino avventurarsi nel calcolo della probabilità che entro un certo tempo il genere umano si estingua. Con un libro dedicato a tutti, ma soprattutto a coloro che sono convinti di avere un’idiosincrasia, congenita o contratta per contagio, nei confronti della matematica, Roberto Vacca ci conduce direttamente nella quarta dimensione, e soprattutto nella logica, con esempi curiosi e paradossali, ma anche con utili strumenti. Alcuni programmi di computer permetteranno ai lettori più esperti di eseguire con l’ausilio delle macchine i calcoli più complessi. Questa nuova edizione è stata aggiornata per quanto riguarda tutti i dati e ampliata.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 11
Section 12
Section 13
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17
Section 18

Section 9
Section 10

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2010)

Roberto Vacca (Roma, 1927), ingegnere, già docente alla facoltà di Ingegneria di Roma e dirigente industriale, consulente nel campo dell'ingegneria dei sistemi (trasporti, energia, comunicazioni), ha realizzato programmi tv di divulgazione scientifica e tecnologica. Autore di numerosi saggi, con Garzanti ha pubblicato Anche tu matematico (prima edizione 1989, ora in edizione ampliata), che da vent'anni viene continuamente ristampato, Patatrac! Crisi: perché? Fino a quando? (2009) e Salvare il prossimo decennio. Pericoli immaginari e rischi reali vecchie paure e nuove complessità (2010).

Bibliographic information