Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all' anno MDCCXLIX, Volume 16

Front Cover
dalla Società Tipografica de' Classici Italiani, 1820 - Italy
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 210 - Spezialmente Venezia colla sontuosità delle sue opere in musica e con altri divertimenti tirava a sé nel carnevale un incredibil numero di gente straniera, tutta vogliosa di piaceri e disposta allo spendere. Roma stessa, essendo cessato il rigido contegno di papa Innocenzo XI...
Page 209 - ... titolo di Virtuosi e Virtuose. Gareggiavano più dell'altre fra loro le corti di Mantova e di Modena, dove i duchi Ferdinando Carlo Gonzaga e Francesco II...
Page 209 - La musica, dice egli, e quella particolarmente de' teatri, era salita in allo pregio, attendendosi dappertutto a sontuose opere in musica, con essersi trasferito a decorare i musici e le musichesse 1' adulterato titolo di Virtuosi e Virtuose. Gareggiavano più dell'altre fra loro le corti di Mantova e di Modena, dove i duchi...
Page 51 - Per cagione di questa sua mansuetudine e generosità, arrivò a morire in grazia del re e compianto anche da lui : il che non era avvenuto al Richelieu. Lasciò di bei ricordi al Re Cristianissimo pel buon governo e quello spezialmente di non tenere in avvenire favoriti, ma di partir gli ufizi in politico, militare ed economico: regolamento che il re Lodovico XIV molto bene eseguì, con prender egli in mano le redini del regno...
Page 210 - ... sontuosità delle sue opere in musica e con altri divertimenti tirava a sé nel carnevale un incredibil numero di gente straniera, tutta vogliosa di piaceri e disposta allo spendere. Roma stessa, essendo cessato il rigido contegno di papa Innocenzo XI, cominciò ad assaporare i pubblici sollazzi, nei quali nondimeno mai non mancò la modestia; e videsi poscia Pippo Acciajuoli , nobile cavaliere , con tanto ingegno architettare invenzioni di macchine in un privato teatro, che si trassero dietro...
Page 466 - Sicilia si avesse da cedere a Sua Maestà Cesarea , e che in ricompensa di tal cessione si dovesse cedere il regno di Sardegna al re Vittorio Amedeo : cambio sommamente svantaggioso , a cui quel real sovrano per un pezzo non seppe accomodarsi, ma che infine consigliato dalla prudenza , la quale s' ha da conformare alle condizioni de' tempi, per non potere di meno , gli approvò.
Page 392 - Si conchiuse bensì, che chi non ha altre armi che ragioni e carte per torre di mano a' potenti qualche Stato occupato, altro non é per guadagnare che fumo.
Page 232 - Caraffa, che poi nel seguente anno fu chiamato da Dio a render conto del suo incredibile orgoglio, e dell'aver riposta la sua gloria nell'assassinar gì' Italiani coll'esorbitanza delle contribuzioni.
Page 422 - Stati del Piemonte, per l'obbligo di tenervi continuamente gran guernigione sul timore de' vicini Tedeschi padroni del regno di Napoli ; giacché non era un mistero che l'Augusto Carlo V( s'ebbe sommamente a male che losse a lui tolta la Sicilia per darla ad altri.
Page 13 - ... donna Olimpia ebbe campo , siccome donna virile, d'ingerirsi in tutti gli affari; di maniera che a lei faceano capo anche gli ambasciatori , e per mezzo di lei si ottenevano le grazie: per le quali vie giunse ella ad accumular tesori. Ora al vedere nel sacro Palazzo un tal despotismo, vie più improprio perché di donna, tanti in fine furono gli schiamazzi, che avvedutosi il buon pontefice, che ne pativa la riputazione sua, rimosse non solo dai pubblici affari, ma anche dal Palazzo l'ambiziosa...

Bibliographic information