Bacacay

Front Cover
Feltrinelli Editore - Fiction - 224 pages
0 Reviews
Bacacay è una sgangherata viuzza di un quartiere popolare di Buenos Aires dove Witold Gombrowicz abitò all’inizio della guerra. Questo fu il titolo che volle dare alla sua raccolta di racconti, ironicamente folli e pervasi da un erotismo arzigogolato, con i quali aveva debuttato trionfalmente a Varsavia nel 1933. L’ossessione di Gombrowicz è sempre stata che “tutto il mondo esteriore non è che uno specchio nel quale si riflette il mondo interiore”. Conseguentemente le sue storie appaiono, come un sogno, assurde e paradossali. Basta osservare la fauna umana che le popola: un giovanotto che vuol restare vergine e la fidanzata pazza di desiderio; un disgraziato che dedica la propria salma a un avvocato di cui si è innamorato “per ripicca”; un dandy capitato per errore su un brigantino con una ciurma assatanata; un bandito terribile, romantico e terrorizzato dalla “topinità” dei topi; un giudice paranoico che si inventa il delitto dell’amico morto di morte naturale; una contessa “cannibalmente” vegetariana e un “parvenu” dai buoni sentimenti; un reuccio corrotto che impazzisce al tintinnio degli spiccioli nella tasca di uno dei suoi convitati; un borghese che stravede per le donne brutte... “Vago per il mondo, navigo in mezzo a queste incomprensibili idiosincrasie e ovunque scorgo la presenza di un sentimento misterioso: sia esso la virtù o la famiglia, la fede o la patria – debbo commettere una mascalzonata.”
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Bibliographic information