Ballata irlandese

Front Cover
Bur - Fiction - 416 pages
0 Reviews
“Non volevo andare in America, non volevo lavorare per Darkey White. Avevo le mie buone ragioni. Però alla fine andai.” Belfast, 1992. La città è stravolta dalla povertà e dalla violenza politica e Michael Forsythe, che ha diciannove anni e nemmeno un soldo in tasca, deve andarsene a tutti i costi. A New York – una New York malfamata e letale, ancora lontana dalla “cura Giuliani” – lo aspetta un impiego nell’Irish Mob, la mafia irlandese, sotto il duro più duro di tutti: Darkey White. Michael è forte, coraggioso e sveglio e in breve tempo Darkey lo introduce nella cerchia ristretta dei suoi uomini di fiducia. Comincia così per lui un feroce apprendistato nelle fila della criminalità organizzata, nel bel mezzo di una guerra fra gang per la spartizione della Grande Mela. Ma quello è solo l’inizio: i veri guai arrivano quando il boss si accorge dell’amicizia “particolare” che lega la sua donna e Michael, e decide di vendicarsi nel modo più doloroso possibile. Thriller duro e puro nella più classica tradizione dell’hard-boiled, il romanzo di McKinty è un elegante e spietato mix di suspense e irresistibile humour nero.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 9
Section 10
Section 11
Section 12
Section 13
Section 14
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2012)

Adrian McKinty è nato a Carrickfergus, Irlanda del Nord, nel 1968. Dopo gli studi in filosofia a Oxford è emigrato a New York dove, proprio come il suo protagonista, ha abitato ad Harlem per sette anni, lavorando come commesso, barista, operaio edile. Attualmente vive a Melbourne, in Australia. Questo è il suo primo libro tradotto in Italia.

Bibliographic information