Belin, sei sicuro?: storia e canzoni di Fabrizio De André

Front Cover
Giunti Editore, 2003 - Biography & Autobiography - 205 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
5
Section 2
32
Section 3
37
Section 4
42
Section 5
46
Section 6
48
Section 7
50
Section 8
52
Section 23
172
Section 24
174
Section 25
175
Section 26
176
Section 27
178
Section 28
179
Section 29
180
Section 30
181

Section 9
54
Section 10
56
Section 11
58
Section 12
62
Section 13
64
Section 14
66
Section 15
156
Section 16
158
Section 17
160
Section 18
161
Section 19
162
Section 20
164
Section 21
166
Section 22
168
Section 31
182
Section 32
184
Section 33
186
Section 34
188
Section 35
190
Section 36
192
Section 37
194
Section 38
196
Section 39
198
Section 40
200
Section 41
202
Section 42
204
Copyright

Common terms and phrases

Popular passages

Page 17 - ... gravemente compromesse, le capacità musicali, e quella di suonare o cantare, di solito vengono conservate. Inoltre, se un paziente afasico canta una canzone, alcune delle parole o anche tutte possono essere recuperate insieme alla melodia, possono essere portate da questa, e non vengono perdute. Quindi la musica può dare accesso al linguaggio anche quando a questo non si può accedere direttamente. Questa possibilità di cantare parole, anche quando uno non è in grado di pronunciarle, invariabilmente...
Page 23 - In particolare, da quando la liberalizzazione dell'etere a metà degli anni '70 ha polverizzato in mille inflessioni regionali l'idea che potesse sussistere in Italia un equivalente del BBC English, alcune icone vocali hanno conservato per il pubblico l'impronta sonora del "buon italiano": qualche vecchio politico, qualche scienziato e letterato, i doppiatori del cinema, inevitabilmente uomini di teatro...
Page 13 - regole del gioco" della canzone non sono, alla fine dei conti, meno importanti di quelle delle biglie. £ poi se la gente sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare.
Page 9 - Poulidor! Era da quando ero bambino che non giocavo a palline. Ricorda quelle bilie di plastica con i ciclisti? Io tenevo sempre Poulidor.
Page 12 - Guccini ("trancian pezzi e manuali, poi stremati fanno cure di cinismo, son pallidi nei visi e hanno deboli sorrisi solo se si parla di strutturalismo"), mi permettu di insistere che sì, la critica delle canzoni e dei loro autori e interpreti ha bisogno di fondamenti, di ragionare sulle categorie di base. Le "regole del gioco" della canzone non sono, alla fine dei conti, meno importanti di quelle delle biglie.
Page 24 - Che talvolta poi ne abbia approfittato anche in maniera sgradevole questo è altrettanto vero, nel senso che ho esagerato col colorire...
Page 49 - Quella che di giorno chiami con disprezzo pubblica moglie / Quella che di notte stabilisce il prezzo alle tue voglie".
Page 187 - Khorakhanè (a forza di essere vento). Anime salve. Dolcenera. Le acciughe fanno il pallone. Disamistade. 'A cùmba. Ho visto Nina volare.
Page 185 - Creek. Hotel Supramonte. Se ti tagliassero a pezzetti. Il gorilla. La canzone dell'amore perduto. Il testamento di Tifo.

Bibliographic information