Blue nights

Front Cover
Il Saggiatore, 2012 - Biography & Autobiography - 206 pages
0 Reviews
"Blue nights" sono le ore lunghe e luminose della sera che a New York preannunciano il solstizio d'estate, "l'opposto della morte del fulgore, ma anche il suo annuncio". Sono passati sette anni da quando Joan Didion e John Gregory Durine festeggiavano il matrimonio della figlia Quintana Roo nella cattedrale di St. John the Divine in Amsterdam Avenue. Joan Didion ripensa a quel giorno, ai gelsomini del Madagascar nei capelli di Quintana, al fiore di frangipani tatuato sulla spalla. I ricordi rievocano istantanee dell'infanzia di Quintana: Malibų, la scuola di Holmby Hills, la California Meridionale e le sue stagioni "che arrivano in modo cosė teatrale da sembrare colpi di un destino inatteso". I ricordi spingono Joan Didion a interrogarsi sul suo essere madre, ora che la figlia non c'č pių. A rileggere ogni singolo evento della vita di Quintana alla ricerca di segni che forse non aveva voluto vedere. A fare i conti con la propria, inaspettata vecchiaia. Come "L'anno del pensiero magico", "Blue nights" colpisce per la precisione chirurgica con cui parla del dolore.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
9
Section 2
11
Section 3
25
Section 4
34
Section 5
38
Section 6
50
Section 7
52
Section 8
56
Section 19
116
Section 20
125
Section 21
129
Section 22
131
Section 23
136
Section 24
144
Section 25
147
Section 26
150

Section 9
62
Section 10
64
Section 11
71
Section 12
74
Section 13
78
Section 14
80
Section 15
86
Section 16
91
Section 17
94
Section 18
105
Section 27
155
Section 28
164
Section 29
170
Section 30
177
Section 31
184
Section 32
186
Section 33
188
Section 34
194
Section 35
200
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information