Canti dell'innocenza e dell'esperienza. Che mostrano i due contrari stati dell'anima umana. Testo inglese a fronte

Front Cover
Feltrinelli Editore, 2009 - Poetry - 172 pages
0 Reviews
"Se si segue lo spirito di Blake nelle varie fasi del suo sviluppo poetico è impossibile considerarlo un naif, un selvaggio, il selvaggio prediletto degli ipercolti. Svaporata la stranezza, la sua peculiarità si dimostra quella di tutta la grande poesia: qualcosa che si trova (non sempre) in Omero, in Eschilo, in Dante e in Villon, e profondo e nascosto nell'opera di Shakespeare; e anche, sotto forma diversa, in Montaigne e in Spinoza. Si tratta, semplicemente, di una peculiare onestà, un'onestà che, in un mondo troppo timoroso di essere onesto, risulta particolarmente terrificante. È un'onestà contro cui cospira tutto il mondo, perché è sgradevole. La poesia di Blake ha la sgradevolezza della grande poesia. Niente che si possa dire morboso o anormale o perverso, niente di tutto ciò che testimonia la malattia di un'epoca o una moda, ha queste qualità; la possiedono solo quelle cose che, dopo uno straordinario travaglio di semplificazione, rivelano l'essenziale debolezza o la forza essenziale dell'animo umano." (Thomas Stearns Eliot)
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

CANTI DELLESPERIENZA
67
Note ai testi
157
Blake di TS Eliot
165
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information