Cavallo e cavaliere: l'armatura come seconda pelle del gentiluomo moderno

Front Cover
Donzelli Editore, 2003 - Art - 243 pages
Nella piena metą del Cinquecento un sovrano intento a celebrare i suoi fasti, il re di Svezia Erik XIV, commissiona all'orefice di Anversa Eliseus Libaerts un'armatura da parata destinata a rimanere tra le pił belle mai realizzate: un finissimo cesello ricopre la barda del cavallo con tredici medaglioni che narrano storie di Ercole (equivalente topico del buon principe), e la corazza del cavaliere con otto medaglioni di storie di Troia e altro materiale eroico. Con l'aiuto di un ricco corredo di immagini, Amedeo Quondam ripercorre in questo libro la storia e l'iconografia di quell'armatura, uno dei "pezzi" pił importanti del Rinascimento europeo.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
7
Section 2
13
Section 3
15
Section 4
23
Section 5
31
Section 6
55
Section 7
69
Section 8
69
Section 16
69
Section 17
69
Section 18
71
Section 19
93
Section 20
97
Section 21
107
Section 22
114
Section 23
115

Section 9
69
Section 10
69
Section 11
69
Section 12
69
Section 13
69
Section 14
69
Section 15
69
Section 24
139
Section 25
147
Section 26
185
Section 27
211
Section 28
215
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information