D'un nuovo diritto europeo: libro

Front Cover
Tipografia di G. Marzorati, 1859 - International law - 446 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 345 - La libertà o autonomia interiore dei popoli non ha modo nè limite, salvo che dalla ragione morale e dal senno politico; e il principio del non intervento non soffre eccezione. VI. Le comunanze civili si compongono e allargano o per contrario si sciolgono giusta il diritto e il principio della spontaneità e della nazionalità. VII. Le conquiste perpetue non istanno in giure; molte però delle antiche pigliarono legittimità col fondare i vinti ed i vincitori una sola Patria.
Page 49 - ... non una è la patria ma più e diverse , là è violenza ma non giustizia, è conquista e non dedizione ; e la forza ancora che si vesta di forme legali non perde nè cambia la sua natura. E del resto, sebbene la unità morale degli...
Page 345 - È iniqua la richiesta di armi straniere contro i sudditi proprii, ed è ingiusto ed oppressivo il concederle. Usare poi contro essi milizie ragunaticcie di mercenari forestieri è cosa turpissima. V. La libertà o autonomia interiore dei popoli non ha modo nè limite, salvo che dalla ragione morale e dal senno politico; e il principio del non intervento non soffre eccezione. VI. Le comunanze civili si compongono e allargano o per contrario si sciolgono giusta il diritto e il principio della spontaneità...
Page 346 - I popoli non riconosciuti e senza ufficiale rappresentanza possiedono, nondimeno , a ragione di umanità e per effetto del senso morale un diritto incontrovertibile di fare udire i giusti loro richiami e che vi si provveda nei termini della comune libertà e giustizia. » XII. Lo Stato e la Chiesa sono separatissimi negli uffici e nell'autorità, congiuntissimi sono di animo, d'intendimenti e di zelo. » I concordati debbono divenire non più necessari. Il diritto ecclesiastico non può travalicare...
Page 47 - ... di umana prosperità e grandezza. Da tutto ciò è provenuto che la moltitudine intendendo discorrere delle autonomie certe e legittime, discorre delle nazioni, perocchè in esse la natura medesima costituiva certe autonomie proprie e, a così dire, naie fatte.
Page 346 - Ogni forma e grado di tal dipendenza è per sè illegittima. IX. La fede ai trattati è piena ed irrevocabile, ognora che non contrastano manifestamente ai dogmi eterni del retto e del giusto. X. Ai trattati generali e riformatori del generale diritto concorrono tutti gli Stati che l'accettano e osservano. Ai particolari e speciali concorrono de jure tutti gl'interessati.
Page 345 - Legittimo è quel governo che ha il consenso dei governati , e soddisfa competentemente al fine progressivo sociale. Ogni governo che difetta di esse due condizioni diventa illegittimo, e si fa debito ai cittadini il mutarlo.
Page 398 - ... di sangue, conformità di genio, medesimezza di linguaggio atte e preordinate alla massima unione sociale.
Page 289 - ... l'occultazione possono convenire a stipulazioni transitorie e , come dicono, di circostanza, non si confanno bene con quelle che hanno carattere permanente ed implicano alcun diritto ed alcun interesse dei terzi. Se non che lasciamo ai tempi l'ufficio di rendere ciascun giorno malagevole quest
Page 156 - Italia, la bilancia non ha contrappesi; e al giudicio dell'Inghilterra, questa bilancia trabocca se i Turchi sono cacciati d'Europa. Del rimanente, il sospetto e la gelosia politica fu sempre una e medesima; ei Greci ei Romani antichi costantemente guardarono a questo, che dove tu non possa ampliare le tue conquiste , debba almeno studiarti d'impedire quelle degli altri , e mantenere fra gli Stati più poderosi lungo e pareggiato contrastamento di forze. I moderni hanno voluto farne come un principio...

Bibliographic information