D'un nuovo diritto europeo: libro

Front Cover
Tipografia di G. Marzorati, 1859 - Europe - 446 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 451 - HARVARD LAW LIBRARY FROM THE LIBRARY OF RAMON DE DALMAU Y DE OLIVART MARQUÉS DE OLIVART RECEIVED DECEMBER 31, 1911...
Page 47 - ... di umana prosperità e grandezza. Da tutto ciò è provenuto che la moltitudine intendendo discorrere delle autonomie certe e legittime, discorre delle nazioni, perocchè in esse la natura medesima costituiva certe autonomie proprie e, a così dire, nate fatte. Il...
Page 49 - ... diverse , là è violenza ma non giustizia, è conquista e non dedizione ; e la forza ancora che si vesta di forme legali non perde nè cambia la sua natura. E del resto, sebbene la unità morale degli Stati venga il più del tempo costituita dalla nazionale omogeneità...
Page 40 - ... mani di Dio sono le nazioni. » In processo di tempo e col maturarsi della civiltà le sole nazioni sembrano costituire gl'individui veri e potenti della grande famiglia umana. Tutte esse girano il guardo al sole della verità e della giustizia, ma ciascuna ne vede un particolare aspetto , e l' anima di ciascuna si scalda e colora di un raggio distinto di quello. Per tal guisa, nella repubblica universale comincia fra i popoli quella più alta reciprocazione di facoltà e privilegi, di avventure...
Page 345 - ... la nazione, i suoi interessi ed i suoi pensieri. IV. È iniqua la richiesta di armi straniere contro i sudditi proprii, ed è ingiusto ed oppressivo il concederle. Usare poi contro essi milizie ragunaticcie di mercenari forestieri è cosa turpissima. V. La libertà o autonomia interiore dei popoli non ha modo nè limite, salvo che dalla ragione morale e dal senno politico; e il principio del non intervento non soffre eccezione. VI. Le comunanze civili si compongono e allargano o per contrario...
Page 345 - Lo Stato non s'identifica col monarca o altro capo; ei rappresentanti alle Corti e ai Congressi debbono con verità e schiettezza rappresentare la nazione, i suoi interessi ed i suoi pensieri. IV.
Page 157 - Stati dovrebbe come prescdere questo pronunciato sovrano del gius delle genti che dice : ogni popolo autonomo per inferiore che sia di territorio e di ricchezze, e per tenui e inferme che abbia le sue difese , dee poter vivere sicuro di sè e libero degli atti suoi , accanto alle nazioni più guerresche e più formidabili. E un...
Page 35 - Patria, egli dice, significa quella determinata contrada e quella particolare congregazione d'uomini a cui ciascuno degli abitanti e ciascuno dei congregati sentesi legato per tutti i doveri, gl'istinti, i diritti, le speranze e gli affetti del viver comune.
Page 174 - ... In quel cambio, lo Stato libero da esempio al tutto contrario ed emana idee e principii altresì opposti. Perché, chiunque avesse in animo di interdire a uno Stato la prefata azione spirituale di là dai proprii confini territoriali,, farebbe impossibile che lo Stato esistesse; avvegnaché s'egli esiste, con ciò medesimo egli porge altrui un esempio e propaga idee, sentimenti e principii. E quando la interdizione venisse ristretta a certe forme di esempi! ea certo genere di principii, dove...
Page 289 - ... possono convenire a stipulazioni transitorie e , come dicono, di circostanza, non si confanno bene con quelle che hanno carattere permanente ed implicano alcun diritto ed alcun interesse dei terzi. Se non che lasciamo ai tempi l'ufficio di rendere ciascun giorno malagevole quest

Bibliographic information