Le canzoni dei Modena City Ramblers Tomo I: Da «Combat folk» a «Viva la vida, muera la muerte» 1993-2004

Front Cover
Digital Index Editore, Oct 7, 2012 - Music - 300 pages
0 Reviews

 "Le canzoni dei Modena City Ramblers" è una biografia dell'Italia ai tempi dei MCR, la storia del nostro paese degli ultimi vent'anni. Il libro è un percorso fra le storie contenute nei testi, spiegando e raccontando l'ispirazione, l'origine, la fonte di ogni brano. Con la scusa di parlare del gruppo emiliano si affrontano ed esplicitano i luoghi, i personaggi, gli avvenimenti. Capita così di trovarsi a viaggiare assieme a Emiliano Zapata o a Nestor Serpa Cartolini, di leggere in merito ad Enrico Mattei e trovare subito dopo Pinelli; si racconta di Bob Sands come di Peppino Impastato. Tutto scorre in questo sincretismo culturale, in questa santeria laica: le canzoni dei Modena City Ramblers sono al tempo stesso il motore di questo lavoro e il carburante, sono la passione che alimenta la conoscenza, sono la poesia delle lacrime per i torti subiti e di quelle versate quando c'è da festeggiare. Leggere "Le canzoni dei Modena City Ramblers" è come viaggiare in una Via Emilia che passa dall'Irlanda, per proseguire in Sud-America e diramarsi fra tutte quelle terre dove ci sono frontiere da superare, muri da abbattere, speranze da raccontare. Leggere le canzoni non vuol dire scorrerne i testi, ma ascoltarle col pensiero, viaggiando fra sogni e delusioni, conquiste e sconfitte, desideri e utopie. A chi affronta "Le canzoni dei Modena City Ramblers" non si augura "Buona lettura", ma "Buon viaggio", perché leggere le canzoni significa naufragare dolcemente in un mare di consapevolezza. Con Prefazione di Guido Giazzi, direttore di Il Buscadero.

 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Common terms and phrases

About the author (2012)

Carlo Susara nasce nel 1968 a Lonato, in provincia di Brescia; è appassionato di arte, letteratura e musica.Per anni lavora nella redazione di Radio onda d'urto, realizzando oltre centoventi trasmissioni per un totale di centocinquanta ore.
Nel 2006 entra a far parte della redazione de "La civetta", mensile indipendente di cultura, attualità e informazione, e scrive anche per “La nuova cronaca di Mantova”.
Nel 2009 ha pubblicato il suo primo libro, dedicato a Volterra, con copertina di Staino e introduzione di Alessandro benvenuti, il cui ricavato è andato interamente a Emergency.

Bibliographic information