Dante, Verona e la cultura ebraica

Front Cover
Casa Editrice Giuntina, 2004 - Literary Criticism - 137 pages
0 Reviews
Il libro segue le tracce dei traduttori ebrei (soprattutto ebrei) che tra il XII e il XIV secolo gettarono un ponte tra la Spagna, la Provenza, la Germania, l'Italia di Federico II e la città di Verona che di lì a poco sarebbe diventata il rifugio e l'ostello di Dante. Questi precedenti a rendere credibile l'incontro tra il mondo cristiano e certe fonti (orali e scritte) di provenienza islamica ed ebraica accessibili nella Verona che fin dai tempi di Ezzelino III, genero di Federico II, si era distinta quale caposaldo dell'idea imperiale; idea che, sovrannazionale qual era, notoriamente si era giovata dell'apporto di intellettuali ebrei, cristiani e musulmani.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Introduzione
9
Hillel di Verona e il suo tempo
15
Manoello Giudeo amico di Dante
43
Dante nel Paradiso di Manoello Giudeo
69
Gli Ebrei nellopera di Dante
99
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information