"Dare et habere"

Front Cover
Firenze University Press, 2002 - Biography & Autobiography - 189 pages
0 Reviews
Le città italiane degli ultimi secoli del Medioevo videro ancora, accanto a un progressivo irrigidirsi delle gerarchie sociali, l'ascesa economica e sociale di individui appartenenti al 'ceto medio': homines novi che, senza ricorrere a legami di casata e spesso rifiutando il modello associazionistico delle corporazioni, riuscirono a costruirsi fortuna e dignità grazie al commercio, all'imprenditoria, allo sfruttamento della terra, alle solidarietà di quartiere e di parrocchia, alla gestione dell'assistenza. Emblematica di questi percorsi di affermazione è la figura di un operatore economico originario del contado, Donato Ferrario da Pantigliate, fondatore nel 1429 a Milano di un ente devozionale e assistenziale, la Scuola della Divinità, personaggio del quale si vanno qui a ricostruire i comportamenti sociali, economici e spirituali inserendoli nel contesto urbano milanese della prima metà del Quattrocento.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Gli investimenti fondiari e immobiliari
82
mulini e bestiame
111
fornitori marosseri procuratori
142
Copyright

1 other sections not shown

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information