De Architectura, Libri X: Testo latino a fronte

Front Cover
Edizioni Studio Tesi, 2008 - Architecture - 586 pages
Il "De Architectura" si presenta come un trattato eclettico - un tentativo di costituire una sintesi organica delle acquisizioni teoriche greco-ellenistiche e dei dati desunti dalla pratica dell'ars aedificatoria - e nello stesso tempo come un testo canonico, summa articolata e composita, ricca di innumerevoli implicazioni e suggestioni, comunque unica testimonianza dell'elaborazione di teorie architettoniche dell'antichità classica. L'opera di Vitruvio anticipa in senso umanistico la centralità della figura dell'architetto e della sua arte, ed esprime come presupposto irrinunciabile l'esigenza di un'armonica sintesi del sapere e della conoscenza che lo renderanno non un semplice organizzatore e codificatore di uno spazio, ma il suo interprete ed ermeneuta. A partire dal Quattrocento in avanti il trattato diverrà la fonte interpretativa, il modello interlocutorio e il presupposto ispiratore dei fondamenti teorici dell'arte architettonica, tanto che Vincenzo Scamozzi, architetto e trattatista veneto del Cinquecento, dopo una lettura attenta ed assidua dell'opera afferma che Vitruvio "ha ragionato di tutte, o almeno le più difficili e bisognevoli parti dell'architettura e bisogni dell'architetto, il che se molti conoscessero, non così facilmente si vanterebbero di essere architetti, che appena sanno quello che gli appartiene".
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Prefazione
5
Prefazione
61
Prefazione
121
Prefazione
157
Prefazione
195
Prefazione
251
Prefazione
299
Prefazione
353
Prefazione
403
Le fasi lunari La teoria di Beroso
425
Prefazione
459
XS Le macchine da trazione
465
Note
534
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information