Elogio dell'ateismo

Front Cover
EDIZIONI DEDALO, 2009 - Religion - 226 pages
Qualunque ingegnere, pur di non eccelsa caratura, si accorgesse, fin dal giorno del collaudo, d'aver sbagliato la progettazione di una macchina, provvederebbe ipso facto ad accantonarla per dar vita a un modello diverso, più rispondente alle esigenze di corretto funzionamento, ovvero alle sue ambiziose aspettative. L'Ingegnere Supremo, invece, pur constatando i difetti strutturali del "prototipo uomo" da Lui creato, lo ha - per così dire - messo egualmente in produzione. È stato più volte sul punto di "toglierlo dal mercato" a causa del disastroso esito, ma altrettante volte non s'è arreso all'evidenza e ci ha ripensato, ostinandosi a diffonderlo sull'intero pianeta. Con un'aggravante essenziale, tuttavia: al contrario dell'ingegnere qualunque, quello Supremo sapeva, in forte anticipo persino sul primo abbozzo al tecnigrafo (i computer non c'erano ancora a quel tempo), che ne sarebbe scaturito un prodotto fallimentare. Il libro esamina in stile colloquiale, con linguaggio chiaro ed efficace, il difficile rapporto dell'autore con il trascendente; una conflittualità che lo conduce su posizioni di dichiarato scetticismo in materia religiosa. Senza voler banalizzare un fenomeno filosofico e sociale che avvince l'umanità sin dai primordi, questa lunga, appassionata disamina analizza i delicati percorsi che possono spingere l'individuo pensante a votarsi al razionalismo ateo.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Prefazione
7
Una base da cui muoversi
19
La superiorità della fede
29
Un bambino sfortunato
41
La non esistenza di Dio è impossibile?
65
La natura dellanima
91
La morte
99
Miracoli prodigi visioni
129
Gesù Cristo
141
A sua immagine e somiglianza
157
La preghiera
175
La resurrezione della carne
187
Creazionismo evoluzionismo
195
Fasti e nefasti delle religioni
201
Curiosità complementari
211
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information