Enchiridion dei concordati: due secoli di storia dei rapporti Chiesa-Stato

Front Cover
Erminio Lora
EDB, Jan 1, 2003 - Religion - 2257 pages
I rapporti fra la Chiesa e gli Stati nel corso dei secoli si possono analizzare attraverso una serie di fonti legislative specifiche, che costituiscono il "corpus" del diritto pubblico ecclesiastico. Taluni compilatori di raccolte di queste fonti hanno trovato spunti interessanti addirittura a partire dai libri del Nuovo Testamento o dall'epoca costantiniana o da quella carolingia. A. Mercati ha impostato la sua Raccolta di Concordati (1919) a partire da quello di Worms (1122: fine della lotta per le investiture e recupero dell'autonomia del potere ecclesiastico da quello civile), che sanciva la pace tra l'imperatore e il papa. Nel tempo i concordati divennero lo strumento negoziale destinato a disciplinare le materie di comune interesse nell'ambito della sovranità territoriale dello Stato stipulante. Il volume offre, in ordine cronologico, il testo originale con versione italiana a fronte - di tutti gli accordi conclusi dalla Santa Sede con gli Stati negli ultimi due secoli, a partire da quello tra Pio VII e Napoleone Bonaparte. Le mutazioni interne ai vari Paesi consigliarono talora aggiornamenti o trattative che sfociarono in nuovi concordati: un indice alfabetico per Nazione mostra l'evolversi dei rapporti tra la Santa Sede e un singolo Stato. Infine l'indice tematico permette di comparare le soluzioni adottate bilateralmente su singoli argomenti di particolare interesse.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

Bibliographic information