Evelina

Front Cover
Fazi Editore - Fiction - 575 pages
0 Reviews
Figlia non riconosciuta di lord Belmont, Evelina Ŕ allevata amorevolmente dal reverendo Mr Villars che giÓ aveva cresciuto la madre, morta nel darla alla luce. Diciassettenne, alcuni amici la invitano a Londra dove viene introdotta alla vita mondana e conosce Lord Orville, figura nobile e saggia. Il rapporto tra i due, sviluppato attraverso tutte le tappe dell’interesse, dell’amicizia e dell’amore, condito da inevitabili incomprensioni e qui pro quo, Ŕ uno dei due temi principali del romanzo. L’altro riguarda la travagliata storia del riconoscimento legale di Evelina da parte di lord Belmont, complicato da uno scambio di neonate da parte di una balia disonesta. L’epilogo vede lo scioglimento felice delle due vicende.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2013)

Frances Burney (1752 – 1840), conosciuta come Fanny Burney, Ŕ nata a King’s Lynn, Inghilterra, nel 1752. Terza di sei figli, fu educata in casa e inizi˛ a scrivere a dieci anni. Si spos˛ a quarantadue anni con un esiliato francese, da cui ebbe un figlio. Dopo una lunga carriera da scrittrice, visse in Francia per oltre dieci anni, poi si stabilý a Bath, dove morý nel 1840. In tutto scrisse quattro romanzi, otto pezzi teatrali, una biografia e venti volumi di diari e lettere. Oltre alla considerazione dei critici per i suoi lavori, viene considerata un precursore letterario di autori importanti che l’hanno seguita, come Jane Austen e William Makepeace Thackeray. Ha pubblicato il suo primo romanzo Evelina in forma anonima nel 1778. Una volta rivelata la sua identitÓ, il romanzo le ha portato una fama immediata, grazie al suo stile unico e alla sua vis comica. Seguirono Cecilia nel 1782 (il titolo Orgoglio e pregiudizio della Austen Ŕ tratto dalle pagine finali di questo romanzo), Camilla nel 1796, e The Wanderer nel 1814. I romanzi della Burney esplorano le vite degli aristocratici inglesi, facendosi beffe delle loro pretese sociali e piccole manie, con un occhio a questioni pi¨ ampie come l’identitÓ femminile. Oggi i critici rivalutano la sua opera con un interesse rinnovato soprattutto per il suo punto di vista sulla vita sociale e sulle lotte delle donne in un mondo di uomini.

Bibliographic information