Eyal Sivan: il cinema di un'altra Israele

Front Cover
Luca Mosso, Cristina Piccino
Agenzia X, 2007 - Performing Arts - 159 pages
0 Reviews
Autore lontano dalle formule abusate del cinema politico, Eyal Sivan racconta Israele come nessun altro. Dall'interno, secondo un'interrogazione appassionata del passato e della memoria, con uno sguarda rivolto al presente e alla realtÓ del mondo. Da "Uno specialista", cronaca sulle tracce di Hannah Arendt del processo al burocrate dell'Olocausto Adolf Eichmann, a "Route 181", viaggio lungo la linea di confine di un possibile Stato binazionale, ad "Aus Liebe zum Volk", immersione nel modernissimo sistema di controllo della Germania Est, Sivan ci invita a una lettura che rovescia le certezze consolidate degli immaginari occidentali. Il suo dispositivo cinematografico, spostando l'attenzione dalle vittime ai colpevoli, rivendica il primato della responsabilitÓ e della giustizia. Lo spettatore trova nei suoi film visioni nuove, spiazzanti, problematiche.

From inside the book

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Intervista a Eyal Sivan
9
saggi e interventi
55
3 La memoria degli altri
63
Copyright

7 other sections not shown

Common terms and phrases

Bibliographic information