Fare differenze: indicatori per l'inclusione scolastica degli alunni con bisogni educativi speciali

Front Cover
Edizioni Erickson, 2007 - Education - 148 pages
0 Reviews
"Fare differenze a scuola per molti insegnanti è ancora un tabù: in classe non si fanno preferenze, gli alunni sono tutti uguali. Sappiamo bene però che non è così, gli alunni non sono tutti uguali e questa diversità non va occultata (magari sotto un grembiule), ma ascoltata e interpretata nel suo porre domande che non sempre hanno facili risposte o risposte standard." Lavorare per indicatori significa confrontarsi con questa diversità, significa creare un lessico comune dell'inclusione, leggere nel proprio contesto quali elementi connotano culture, politiche e pratiche inclusive (e quali individuano con precisione le aree critiche), attivare risorse implicite, stimolare la partecipazione attiva e la responsabilità di tutti alla riflessione sulla scuola, ponendosi nell'ottica di ascoltatori sensibili, disposti all'innovazione all'interno della propria realtà scolastica. L'utilizzo degli indicatori diventa allora uno strumento importante per la promozione dell'inclusione come pratica consapevole e fondata, per "fare la differenza", ossia lavorare efficacemente per trasformare davvero la scuola in un posto per tutti.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Common terms and phrases

accesso all’inclusione all’interno dei contesti alunni diversamente abili alunni diversi alunni rappresenta approccio attività bambini basate su un’idea Bisogni Educativi Speciali capacitazioni categorizzazione condizione contesti scolastici culturale deficit sensoriali definizione dell’alunno dell’educazione inclusiva dell’effettiva dell’esclusione dell’inclusione dell’integrazione dell’istituto dell’uguaglianza diagnosi differenze difficile difficoltà di apprendimento diritti umani educazione inclusiva effettivo efficaci elementi epistemologiche etichettare Farrell fisiche fisico focalizzandosi funzionamento dell’organizzazione gruppi Ianes illuministicamente indicatori per l’inclusione individuare infatti infine insegnanti integrazione l’affermarsi l’alunno l’atteggiamento l’educazione l’efficacia l’idea L’inclusione nell’educazione scolastica l’individuo l’iniezione l’insieme l’opportunità L’organizzazione lavoro educativo necessità occorre organizzativo paradigma persone diversamente abili positivi processi di etichettatura processo di inclusione processo inclusivo progettazione inclusiva proposta inclusiva prospettiva punto di vista quest’ottica quest’ultima realizzazione riflessione riguarda rispetto risulta Rosenthal e Jakobson scientifica scuole speciali senso significa significato sistema situazioni sociali soggetti sottolineare spazi educativi specifiche specifici stigma strategia strutture sufficiente sviluppo tale tende termine handicap tradizionale valutazione inclusiva vengono interpretate

Bibliographic information