Fare memoria

Front Cover
Giunti Editore - Psychology - 250 pages
0 Reviews
Contemplarci nello specchio del passato è un destino inesorabile? Questo libro spiega perché oggi proliferano i luoghi della memoria, si cerca di far rivivere il passato e gli studi etnologici rivalutano il primitivo di società lontane nel tempo e nello spazio. Perché mettiamo in scena le rovine e non possiamo fare a meno di conservare il nostro patrimonio culturale. Alla conservazione dei beni culturali è affidato il mantenimento dell'ordine simbolico su cui si fonda il nostro vivere comune. Il culto degli oggetti del passato risponde al bisogno di scongiurare la minaccia che incombe sull'uomo moderno: la perdita del senso della sua continuità. In tempi di consumo culturale di massa, l'ossessione patrimoniale ci svela però una verità inquietante: sono gli oggetti che abbiamo pensato per una durevole e universale trasmissione a conservare noi, a pensarci. Mentre abbiamo già iniziato a realizzare copie fedeli di luoghi e oggetti d'arte instaurando con esse una relazione virtuale. Titolo originale: La Machine patrimoniale (2008).
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Introduzione
7
Uno Specchietto Per Le Allodole
15
I Nuovi Patrimoni Culturali Già Vecchi
23
Il Ripiegamento Patrimoniale Degli Etnologi
39
Il Pittogramma Delle Etnie
49
La Rivincita Delloggetto
57
I Turbamenti Dellattualizzazione
69
Patrimonio E Catastrofe
79
Il Futuro Girevole
95
Conclusioni
105
Indice
111
Copyright

Common terms and phrases

all’inizio antropologi archeologico artisti attualizzazione bomba atomica catastrofe clonazione commemorazione comunità confronti conservazione patrimoniale considerato contemporanea cultura d’arte d’origine dell’alterità dell’arte dell’attualizzazione dell’estraneità dell’etnologia dell’oggetto dell’ordine dell’umanità dell’uomo destino disastro diventa estetica etnica etnie etnologi fantascienza fotografie funzione futuro garantire gestione Giappone giapponesi gioco grotta di Lascaux guerra Hiroshima homeless identità identitaria immagini James Clifford kitsch l’Altro l’arte l’aspetto l’avvenire l’estetica l’etnologo l’idea l’illusione l’immagine l’intera l’oggetto l’opera l’ordine l’organizzazione l’uomo lobotomia logica patrimoniale luogo memorie collettive memorie operaie messa modernità mondializzazione mondo morte museo museografia occidentale ormai passato patrimonializzazione patrimonio culturale patrimonio industriale pittogramma possiamo possibilità potere presente primitivo processo di riflessività propria provocato pubblica ragion d’essere rappresentazione realizza regione resta ricchezze simboliche ricerca ricerche etnografiche ricostruzione rischio salvaguardia sembra senso sguardo simboliche delle società sisma situazione sociale specificità storia tecnologie temporale territorio Tintin tiva trasmissione tratta trimonio turale turisti un’estetica un’opera valore virtuale Walter Benjamin XX secolo zione

Bibliographic information