Farsi prossimo. Meditazione sulla parabola del buon samaritano

Front Cover
Città Nuova, 2006 - Bibles - 120 pages
1 Review
"Chi è il mio prossimo?": la domanda che lo scriba rivolge a Gesù costituisce nel vangelo di Luca l'incipit della parabola del Buon Samaritano. In quell'umanità senza nome, abbandonata sul ciglio della strada da Gerico a Gerusalemme, solo il samaritano riconosce un individuo da soccorrere. Per sapere chi è dunque il nostro prossimo - sembra dire Gesù - bisogna farsi prossimo ogni volta che un uomo ha un bisogno; bisogna superare l'immagine che ci costruiamo del prossimo perché questi è qualsiasi uomo. Dopo aver analizzato la parabola nei suoi passaggi essenziali, l'Autore si sofferma sui singoli personaggi: lo scriba che è l'interlocutore di Gesù, il sacerdote e il levita, il samaritano. Segue quindi una rilettura del testo evangelico alla luce della misericordia, della identificazione del samaritano con Gesù e di Gesù con l'uomo abbandonato. Bruno Moriconi ocd, dottore in Teologia e licenziato in Sacra Scrittura, è professore ordinario di Sacra Scrittura presso la Pontificia Facoltà Teologica Teresianum di Roma.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

INTRODUZIONE
5
LA PARABOLA
11
IL POPOLO STOLTO DEI SAMARITANI
20
LO SCRIBA LE DOMANDE E LE SCUSE
27
DIO E IL PROSSIMO
37
UN CERTO UOMO
46
UN SACERDOTE ED UN LEVITA
53
UN SAMARITANO INVECE
61
LA COMPASSIONE
72
IL BUON SAMARITANO GESÙ
80
LAVETE FATTO A ME
87
IL PROSSIMO SEI TU
98
LA LOCANDA DEL BENEFATTORE
105
Copyright

Common terms and phrases

Bibliographic information