Filosofia della statistica, Volume 1

Front Cover
Ruggia, 1837 - 987 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page xxi - La pulitezza (egli dice) è un ramo della civilizzazione: egli consiste nell'arte di modellare la persona e le azioni, i sentimenti e il discorso in modo di rendere gli altri contenti di noi e di loro stessi, ossia acquistarsi l'altrui stima e affezione entro i limiti del giusto e dell'onesto, cioè la ragion sociale....
Page 15 - ... consumatori , sulle leggi civili e commerciali , sui bisogni della società , sulle relazioni cogli Stati stranieri. Pare dunque che ciascuno sia interessato a conoscere tutti questi oggetti, in mezzo di cui vive...
Page ix - ... tempi, furono letti, e avidamente letti fra le civili turbazioni che chiusero con tanto strepito il secolo decimottavo. Corone meno caduche dovevano ornare il capo del nostro Gioja: egli doveva essere salutato da' suoi connazionali quale rigeneratore di un ramo di studi tutto italiano, perchè quivi nato e cresciuto, quantunque da alcun tempo fosse stato abbandonato alle speculazioni di pochi valenti stranieri : era questo lo studio della politica economia. Spuntava appena il secolo decimonono,...
Page 5 - ... idea primaria che affiggere si deve alla parola statistica si è la descrizione economica delle nazioni in un' epoca determinata; ella addita le fonti delle loro ricchezze, i metodi con cui le distribuiscono, gli usi che ne fanno. Per darci queste notizie, la statistica esamina i luoghi e le cose, gli uomini e le azioni, le leggi e le autorità, le opinioni ei pubblici stabilimenti. In questo esame l...
Page xvi - Trattato del merito e delle ricompense : essi dovevano costituirgli il maggior titolo alla gratitudine de' posteri. Allo studio della scienza dell' ordine sociale delle ricchezze , era stata data nel nostro secolo una forte spinta dal barone Pietro Custodi, colla sua Raccolta, de* classici economisti italiani. Questo venerando deposito del sapere de' nostri padri , fu per il Gioja il primo capitale scientifico a cui attinse i principj teoretici , e alcune preziose risultanze di fatto : egli estese...
Page xi - Erovò co' fatti, che il valor sociale più rettamente diffuso non avea fatto crescer di prezzo le sole derrate, ma Ogni maniera di produzioni, sì materiali che civili. Insegnò quindi a levare quasi tutti gli statuti annonarj più dannosi che utili ,• e senza avvedersene, scoverse quel fomite misterioso che anima la prosperità economica di una ben ordinata società, il principio, vogliam dire, della libera concorrenza. La compilazione di quest...
Page 5 - La moralità o la corruzione; 5.° L' incivilimento o la barbarie ; 6.° La potenza o la debolezza delle nazioni. La statistica comprende dunque quella somma di cognizioni relative tul un paese, che, nel corso giornaliero degli- affari . possono essere utili a ciascuno , o alla maggior parte de suoi membri od al Governo che ne è l agente , il procuratore o il rappresentante.
Page xii - Tracciò alcune grandi linee entro cui annicchiare i dati statistici raccolti, ed ordinarli a facile atti ii tura: divise in sette rubriche magistrali le notizie statistiche più interessanti : nella prima segnò il campo delle produzioni , e discorse intorno alla topografia terracquea, idraulica, e atmosferica: nella seconda parlò del movente generale delle pubbliche ricchezze...
Page ix - Un nuovo gremio sociale era sorto con iscarse ricchezze, ma avveduto, ma operoso: esso univa coll'industria e co' reciproci cambj i due anelli più disparati della catena sociale, l'opulenza, eia povertà. vi si frammetteva a modo di mediatore , ed insegnava ai posseditori di tutto, come il rispetto, più che una cieca pietà usar si dovesse verso gli aventi nulla. Questo economico rivolgimento avea diffuso in ogni capo di famiglia l'idea di presentarsi a' consociati con un carato civile.
Page 36 - Dell' eclittica, servono a fissare in generale i due istanti del nascere e del tramontare del sole , e quindi la durata de' lavori giornalieri. Crescendo la latitudine inoltre decresce in generale l' intensità del calore e la durata della luce, due forze che agiscono potentemente sopra tutti i sistemi viventi; altronde la loro diminuzione accresce due rami di spesa giornaliera, fuoco, cioè, e Ittce artificiale.

Bibliographic information