Fuori luogo. L'esorbitante nella riproduzione dell'identico

Front Cover
Meltemi Editore srl, 2007 - Literary Criticism - 335 pages
0 Reviews
"Fuori luogo" Ŕ la singolaritÓ di ciascuno, il proprio sÚ irriducibile all'io, all'individuo, all'identitÓ, e inevitabilmente coinvolto nel rapporto con altri, in questo senso unico, incomparabile, irriducibilmente altro. "U-topia" rispetto al ruolo, alla funzione, alla comunitÓ, all'appartenenza. Fuori luogo Ŕ trovarsi esposto, senza riparo, senza protezioni, senza giustificazioni, senza scappatoie, senza alibi. La singolaritÓ non indifferente all'altro Ŕ l'esorbitante nella riproduzione dell'identico, condizione della riproduzione di questa forma sociale che si impone come mondiale, globale. Fuori luogo Ŕ l'uscita dal ruolo di soggetto, dagli agglomerati di soggetti, dalle comunitÓ, dai popoli. Fuori luogo Ŕ fuori dai luoghi del discorso, dalla definizione, dallo stereotipo, fuori nome, fuori dalla predicazione dell'essere, dalla pretesa di chiudere con l'altro. ╚ ritorno alla parola che ascolta, che dÓ tempo all'altro, Ŕ andare incontro all'altro.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Capitolo secondo
Capitolo terzo
Capitolo quarto
Capitolo quinto
Capitolo sesto
Capitolo settimo
Capitolo ottavo
Capitolo nono
Capitolo decimo
Capitolo undicesimo
Capitolo tredicesimo
Bibliografia
Indice dei nomi
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

References to this book

Bibliographic information