Giocare la vita: storia del lotto a Napoli tra Sette e Ottocento

Front Cover
Donzelli Editore, Jan 1, 1997 - Social Science - 144 pages
0 Reviews
"Napoli" e "lotto" sono due parole strettamente connesse nella nostra immaginazione. Il più classico tra i giochi d'azzard, il gioco dei novanta numeri, ciascuno dei quali è associato, per il tramite della Smorfia-Morfeo, a un qualche significato onirico e simbolico, lega indissolubilmente cifre e sogni, calcoli e divinazione dei propri destini. E tutto questo ha in Napoli, nei suoi botteghini, nei palazzi, nei vicoli, la sede deputata, il luogo imprescindibile.Questo libro di Paolo Macry da una parte ricostruisce la storia di fenomeni sociali, culturali e istituzionali che hanno avuto indubbia rilevanza in gran parte dell'Europa sette-ottocentesca. Dall'altra, analizza il concreto intrecciarsi, nella pratica delle scommesse, di alcune categorie sulle quali le scienze sociali lavorano da tempo: la casualità e il calcolo, le aspettative "razionali" e i comportamenti "irrazionali", il rischio e l'utile economico, il materiale e l'immateriale. Sottesa a questo lavoro, colto e curioso, rigoroso e insieme partecipe, sta una convinzione: che nel dibattito così attuale tra strutture e culture, tra moderno e postmoderno, i temi della divinazione, del caso, del gioco, abbiano qualcosa da dire. Molto di più di quanto spesso non appaia.A Napoli il lotto costituisce un fenomeno capace di veicolare cultura e diventare idioma collettivo. Al tempo stesso, produce un circuito di ridistribuzione di risorse materiali, che è gigantesco, capillare e polverizzato... (libreriauniversitaria.it).
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Contents

Section 1
8
Section 2
19
Section 3
29
Section 4
41
Section 5
43
Section 6
53
Section 7
61
Section 8
63
Section 9
69
Section 10
79
Section 11
87
Section 12
99
Section 13
107
Section 14
113
Section 15
121
Section 16
125

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information