I Diavoli di Zonderwater

Front Cover
Sperling & Kupfer, Oct 7, 2010 - History - 320 pages
0 Reviews
Lontani da casa, dagli affetti. Ma anche lontani dalla battaglia, dall'adrenalina del fronte. Erano soldati nel pieno della giovinezza, quelli che fra il 1941 e il 1947 si ritrovarono esiliati a Zonderwater, in Sudafrica. Un'intera generazione rinchiusa nel campo che ospitò il maggior numero di prigionieri di guerra italiani, quasi centomila. In un paesaggio lunare, arido e bersagliato dai fulmini, gli italiani dovettero inventarsi un modo per sopravvivere alla fame, alle malattie, alla noia, alla nostalgia del proprio Paese (e alla mancanza di donne). Li aveva accolti un altipiano brullo disseminato di tende: alla loro partenza, sei anni più tardi, lasciarono una vera città. Fu un capo illuminato, il colonnello Hendrik Fredrik Prinsloo, a capire che a quei giovani uomini doveva prima di tutto restituire una vita normale. Così scelse lo sport come alleato: promosse gare di scherma, atletica, ginnastica, oltre a un campionato di calcio vissuto con tale passione da trasformare in divi i più bravi fra i prigionieri. Come accadde a Giovanni Vaglietti, anima della squadra invincibile dei Diavoli Neri. Carlo Annese ha composto un libro corale, che racconta le storie umane di quei giovani italiani che arrivarono in Sudafrica dopo aver perso tutto, e lì, nel campo dimenticato di Zonderwater, ritrovarono la dignità.
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Contents

Section 1
1
Section 2
9
Section 3
28
Section 4
50
Section 5
72
Section 6
95
Section 7
118
Section 8
140
Section 13
271
Section 14
275
Section 15
277
Section 16
301
Section 17
305
Section 18
309
Section 19
311
Section 20
312

Section 9
150
Section 10
175
Section 11
201
Section 12
265
Section 21
313
Section 22
315
Section 23
317
Copyright

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information