I dodici canti: epopée romanesque du XVIe siècle

Front Cover
Ferdinand Castets
Coulet, 1908 - 405 pages
0 Reviews
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 7 - Storia ed analisi degli antichi romanzi di cavalleria e dei poemi romanzeschi d'Italia con dissertazioni sull'origine, sugl'istituti, sulle cerimonie de' cavalieri, sulle corti d'amore, sui tornei, sulle giostre ed armature de' paladini, sull'invenzione e sull'uso degli stemmi ecc.
Page 373 - Sopra una sedia d'or tra' paladini Se fu posato alla mensa ritonda: Alla sua fronte forno e Saracini, Che non volsero usar banco né sponda, Anzi sterno a giacer come mastini Sopra a tapeti, come è lor usanza, Sprezando seco il costume di Franza.
Page 20 - Quanto sia laudabile in uno principe mantenere la fede e vivere con integrità e non con astuzia, ciascuno lo intende; nondimanco si vede, per esperienza ne...
Page 28 - Quand' io veggio il villan con larga speme Che con l'aratro in man pungendo i buoi, Riga i suoi campi, per versarvi poi Quand...
Page 20 - Nondimanco si vede per esperienza ne' nostri tempi, quelli principi aver fatto gran cose, che della fede hanno tenuto poco conto, e che hanno saputo con...
Page 381 - Degnate adunque d'essere la terza in numero fra cotanto valore; e di tai ragionamenti pregate Amore che ne componga una novelletta ove il vostro nome si scriva, non altramente che ne' dialoghi di Piatone si faccia quello di Diotima.
Page 388 - ... avec quelque surprise que les brèves indications que j'avais données sur les sentiments de l'Alamanni, aussi bien que les citations de vers caractéristiques, aient été purement négligées, soit dans l'article du Giornale, soit surtout dans la thèse de M. Hauvette. Je lis dans celle-ci : « Le souvenir de l'Arno remonte à sa mémoire lorsqu'il regarde d'un œil d'envie le calme avec lequel la Seine serpente au milieu d'heureuses et libres campagnes ; lorsqu'il voit le laboureur français...
Page 387 - Tout d'abord, il n'est pas exact que le ms. 8583 de l'Arsenal attribue ce poème à l'Alamanni. « Mais je ne l'avais pas dit ! Dans sa thèse, M.
Page 297 - 1 re poco più avanzi. 87. Se accordarono al corso quattro insieme Con quattro lance adosso a Sacripante, Et quanto ognun più può tanto più prieme Contra quel re ; però il signor d'Anglante Della promessa che le fece geme Dubbiando della morte d'un prestante Et genero[so] re gran cavalliero, Ch' a suo dispetto è fatto prigioniero.
Page 285 - Carlo i' sia soggetto Over christiano, perché i' non farei Ad altri quel che per me non vorrei. 28. Per trarvi fuor d'ogni suspetto rio, Come finito havrò l'abbattimento Con questo altro campion, come devo io, Se '1 mio Jesù vorrà, con salvamento, Deliberato ho di seguire il mio Viaggio et Stordilan lasciar contento In el suo regno et favorirlo ogni bora Ch' io sarà chiesto et contra Carlo ancora.

Bibliographic information