I fiori del male

Front Cover
Garzanti Classici - Fiction - 159 pages
2 Reviews
Insieme all'osservazione complice e ardente della vita in ogni sua forma, dalla più perversa alla più pura, quello che non ha mai smesso di attirare Baudelaire, di ferirlo, di colmarlo di sofferenza e di voluttà, è stato lo spettacolo intimo e crudele della propria angoscia, della propria solitudine, del proprio immenso e immensamente insoddisfatto bisogno d'amore. La noia, lo spleen, non sono atteggiamenti snobistici o estetizzanti, ma simboli esatti e spaventosamente sinceri della condizione esistenziale di un uomo profondamente attaccato alla vita, che tuttavia non ha né potuto né voluto sottrarsi alla certezza di essere un escluso, un disadattato, un oggetto di incomprensione e di scherno.
 

What people are saying - Write a review

User Review - Flag as inappropriate

come potrei mai
decidere se acquistarlo quando la preview consiste unicamente nell'introduzione e non fornisce una visualizzazione dell'impaginazione dei versi?

Selected pages

Contents

Section 1
Section 2
Section 3
Section 4
Section 5
Section 6
Section 7
Section 8
Section 11
Section 12
Section 13
Section 14
Section 15
Section 16
Section 17
Section 18

Section 9
Section 10

Other editions - View all

Common terms and phrases

About the author (2012)

Charles Baudelaire (1821-1867) nacque a Parigi dove condusse una vita sregolata, fra preoccupazioni economiche, alcol e droghe. La sua raccolta di poesie I fiori del male rivoluzionò la poesia europea, aprendo la strada al simbolismo (uso analogico delle parole, teoria delle corrispondenze, tematica dello spleen e della noia).

Bibliographic information