Il concetto della visibilitÓ presso Italo Calvino nel romanzo "Il cavaliere inesistente"

Front Cover
GRIN Verlag, 2012 - 40 pages
0 Reviews
Seminar paper from the year 2012 in the subject Romance Languages - Italian and Sardinian Studies, grade: 1,0, LMU Munich, language: Italian, abstract: La presente ricerca si suddivide in due parti, delle quali la prima si occupa della concezione della visibilita secondo Italo Calvino nel suo libro "Lezioni americane" e delle teorie della percezione, della psicologia della 'Gestalt', della categorizzazione e della prototipicita, che formano le basi di ogni creazione di un'immagine mentale. Cioe la visibilita d'una figura narrativa dipende dalla capacita dello scrittore di formare un corpo e un carattere immaginabili dal lettore. Nel caso di un personaggio invisibile e quasi impossibile ricorrere a una forma conosciuta o preesistente perche farebbe molta fatica a immaginarsi qualcosa (oppure qualcuno) che non e mai stata visto. A causa di tale difficolta, Calvino escogita diversi stratagemmi per resuscitare un'immagine di una figura ossimorica "che non c'e" oppure "che c'e senza esserci." La seconda parte di questo breve saggio, quindi, mostrera dove si trovano i concetti suddetti nel romanzo "Il cavaliere inesistente" e quanto siano serviti a creare un personaggio di fantasia che esiste grazie solo alla "forza della volonta" schopenhaueriana dello scrittore."
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Other editions - View all

Common terms and phrases

Bibliographic information